NASCE IL FGC A GENOVA.

Scritto il by admin in Comunicati, Dai territori, Nord | Lascia un commento  

La crisi del capitalismo avanza in modo costante, mietendo vittime tra la classe lavoratrice. L’unica possibilità per combattere questa crisi sistematica è la creazione di una forza comunista compatta, basata sul marxismo-leninismo, che possa riportare in auge l’unica vera alternativa al sistema capitalistico. Fondamentale è che questa forza comunista riparta anche dai giovani, con la creazione di una formazione giovanile pronta a combattere il programma di austerity con cui l’Unione Europea ci obbliga a una vita di miseria e schiavitù. La scuola e l’università, sempre più inaccessibili per i costi, e l’aumento crescente dei contratti di lavoro precari, spesso spacciati per attività formative, sono alcune tra le conseguenze di questo programma di austerità imposto dall’Europa.

La necessità di questa forza giovanile comunista sorge anche dal fatto che le lotte portate avanti dai vari movimenti si sono rivelate inconcludenti o di poco respiro, sia per quanto riguarda la questione scolastica, universitaria, sia su quella abitativa e lavorativa. Nostro dovere è quindi ripartire, rilanciarci, e unire le lotte verso un unico obiettivo.

Per questa ragione sentiamo la necessità che il Fronte della Gioventù Comunista nasca anche a Genova, storica città di lotta, per ripartire sotto un’unica bandiera verso un solo obiettivo: il socialismo. La stessa Genova Medaglia d’Oro al valor militare per la lotta partigiana, la medesima che si è sollevata contro il Congresso del MSI, dando vita a scioperi e manifestazioni, la stessa città che si è confrontata apertamente nelle tristi giornate estive del luglio del 2001, in occasione del summit del G8. La stessa Genova che, recentemente, ha bloccato i mezzi pubblici cittadini a causa delle privatizzazioni selvagge.

Unirsi sotto un’unica bandiera, quella del marxismo-leninismo permette di catalizzare le lotte contro l’Europa delle banche e del grande capitale finanziario, dell’imperialismo e dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo, non solo verso piccolo obiettivi che, seppure importanti, sono solo temporanei. Ripartire dai giovani per creare i futuri quadri comunisti di domani, in ogni paese in ogni città: anche Genova, adesso, è presente!

Info e adesioni a: fgcgenova@gmail.com

FGC MILANO: «APPOGGIO AD OPERAI MARCEGAGLIA»

Scritto il by admin in Comunicati, Dai territori, Lavoro, Nord | Lascia un commento  

Ieri 169 operai sono stati informati della chiusura dello stabilimento Marcegaglia Buildtech di Viale Sarca  nell’ ex “cuore industriale” di Milano. Per mantenere il posto i lavoratori dovranno trasferirsi nella sede di Pozzolo Formigaro, distante 120 km dal capoluogo lombardo. Emma Marcegaglia, prima Presidente di Confindustria ha voluto “festeggiare” così la nomina da parte del Governo Renzi a presidente di ENI. La reazione dei lavoratori non ha tardato a farsi sentire: blocco di Viale Sarca; gli operai sono in assemblea permanente. “I Marcegaglia nuotano nell’oro, e noi nuotiamo nella merda, ecco la differenza.” Le parole degli operai sono chiare. Il motivo di questa scelta non è ufficialmente chiaro poiché non c’è stata alcuna dichiarazione dai vertici dell’azienda, ma considerando il fatto che la zona di Bicocca e Viale Sarca è di grande interesse dal punto di vista edilizio, non è difficile immaginare che l’operazione abbia fini speculativi in quest’area. Inoltre nella sede di Pozzolo Formigaro sono recentemente stati annunciati 40 esuberi. Da un lato si licenzia, e dall’altro sono necessari altri lavoratori? Ecco un esempio della reale natura dei personaggi nominati dal Governo, guidato dal Partito Democratico, che si dimostra ancora una volta difensore degli interessi delle classi dominanti, esecutivo della grande industria, della finanza, dei monopoli.  Come Federazione di Milano del Fronte della Gioventù Comunista esprimiamo tutta la nostra solidarietà agli operai a cui non mancheremo di portare il nostro sostegno. Contrattaccare, organizzare la lotta di classe, unica vera garanzia di diritti per i lavoratori.

FGC ROMA: « SOLIDARIETA’ CON MOVIMENTO DI LOTTA PER LA CASA»

Scritto il by admin in Centro, Comunicati | Lascia un commento  

Come federazione romana del Fronte della Gioventù Comunista esprimiamo la nostra piena solidarietà alle famiglie e ai compagni sgomberati e caricati  la scorsa mattina a Montagnola. Ancora una volta le istituzioni, anche di centro sinistra, portano avanti duri attacchi verso chi lotta per dare una casa a chi ne ha bisogno, favorendo sempre palazzinari e speculatori. Il Partito Democratico e i partiti che appoggiano la giunta Marino si rendono responsabili in queste settimane di un forte incremento delle attività repressive sul territorio. Un livello che non ha nulla da invidiare a quanto fatto negli anni precedenti dalla giunta Alemanno. Al contrario le politiche sociali vengono ridotte sulla base degli obblighi e dei parametri europei generando vere e proprie emergenze, come nel caso delle abitazioni. Migliaia di immobili sfitti di proprietà di grandi gruppi finanziari e società imprenditoriali sono l’altra faccia della medaglia di centinaia di migliaia di romani privi di una casa, in una città dove costruire vuol dire solo profitto a scapito delle esigenze reali collettive. La lotta per la casa non può essere concepita come fronte di lotta isolato, come mera rivendicazione vertenziale, come lotta di natura puramente economica, fronte sul quale le classi subalterne saranno sempre perdenti. Al contrario è necessario far avanzare la consapevolezza che solo la lotta politica diretta contro questo modello di sistema, contro l’Unione Europea che ne rappresenta l’organizzazione pù conseguente, e contro il governo Renzi e i partiti che lo appoggiano, può portare ad un cambiamento reale delle cose.

FGC:«FUNZIONARIO DI POLIZIA RESPONSABILE DI GRAVE ATTO DI VIOLENZA DOCUMENTATA DA SERVIZIO PUBBLICO.»

Scritto il by admin in Comunicati | Lascia un commento  

«Il video della manifestazione del 12 aprile realizzato da Servizio Pubblico costituisce una prova inconfutabile di un atto di violenza gratuita e del tutto ingiustificata commessa da un funzionario di polizia ai danni di due manifestanti inermi che si trovavano già immobilizzati a terra. Tra il minuto 2.30 e 3.00 si vede chiaramente un funzionario di polizia, salire intenzionalmente sul corpo dei due manifestanti già bloccati a terra. La dinamica degli avvenimenti in piazza è tale da escludere chiaramente che i due manifestanti siano coinvolti negli scontri di Via Veneto, circostanza che in caso contrario non avrebbe influenza diretta sul fatto. La carica giunta alle spalle del corte in Piazza Barberini ha infatti – come spesso accade – lasciato nelle vicinanze dei reparti delle forze dell’ordine che caricavano manifestanti provenienti da ogni parte del corteo. Ciò che risulta assolutamente inaccettabile è che un funzionario di piazza – come si vede chiaramente nel documentario giornalistico citato – compia un tale atto, in modo evidentemente intenzionale come emerge dalla sequenza completa.

Il poliziotto guarda in basso, si accorge dei corpi distesi a terra dei due manifestanti e intenzionalmente calpesta la ragazza salendole a giudicare dal video sul torace, prima con un piede poi alzando l’altro in modo da far pesare tutto il proprio corpo su quello della ragazza, in una scena che trasmette l’idea della volontà di “dare una lezione” a manifestanti inermi e già immobilizzati. Il funzionario di polizia in questione è in borghese con il solo casco di protezione, vestito in modo differente dal resto del reparto. Questo porta a due conclusioni: in primo luogo si tratta con tutta probabilità di un funzionario predisposto al comando, o a un ruolo di direzione di reparto, il che aggrava ulteriormente la portata del gesto, e in secondo luogo risulta facilmente identificabile dato l’abbigliamento completamente differente da quello dei suoi colleghi.

Ci auguriamo che nelle dichiarazioni rilasciate da Ministero degli Interni, Prefetto e Questore che abbiamo appreso sulla stampa, circa le indagini in corso per l’identificazione degli autori di reati, sia compresa l’intenzione di perseguire con altrettante fermezza, diligenza e dovizia di particolari con cui si procede solitamente nel caso dei manifestanti, l’autore di un atto tanto palese, quanto gratuito e totalmente ingiustificato, che integra un evidente abuso della propria funzione, nonché ipotesi di lesioni nei confronti dei manifestanti vigliaccamente aggrediti. Data l’obbligatorietà dell’azione penale nel nostro sistema giudiziario riteniamo che le numerose denunce che sul web stanno emergendo in queste ore e a cui ci associamo, nonché le stesse immagini pubbliche documentate dalla trasmissione servizio pubblico e reperibili all’indirizzo web  http://www.serviziopubblico.it/2014/04/guerriglia-a-roma/ siano elementi sufficienti affinché si proceda all’identificazione e alle dovute indagini sul funzionario di polizia responsabile di tali atti, dovendosi considerare ogni contraria ipotesi come volontaria omissione di un atto dovuto, la cui unica reale motivazione non potrebbe che risiedere in ragioni squisitamente politiche e di tutela dell’apparato repressivo dello Stato.»

Segreteria nazionale FGC

UNIVERSITÀ. FGC: «NO AI TEST DELL’UNIVERSITÀ DI CLASSE, PROTESTE NEGLI ATENEI»

Scritto il by admin in Comunicati, Università | Lascia un commento  

Per la prima volta, quest’anno, i test di ammissione all’università per le principali facoltà a numero chiuso sono stati anticipati ad aprile, favorendo inevitabilmente chi ha avuto la possibilità di pagare costosi corsi privati per prepararsi. Da domani, giornata dei test di medicina, il Fronte della Gioventù Comunista promuoverà una serie di azioni di protesta contro il numero chiuso implementato nel nostro paese. Nelle principali città universitarie, i partecipanti ai test saranno accolti dai nostri militanti con striscioni, megafoni, volantini e slogan di protesta. Secondo Paolo Spena, responsabile Scuola e Università del FGC: «il numero chiuso in Italia, oltre ad essere funzionale ad ulteriori smantellamenti dello stato sociale in favore del settore privato (meno medici servono a chiudere presidi sanitari pubblici in tutto il paese), oggi “fotografa” una selezione di classe che inizia molto prima dell’entrata all’università. Mentre tutti parlano di “meritocrazia” la verità è che si parte da condizioni diverse a seconda della situazione economica della propria famiglia, e sempre più studenti sono costretti ad abbandonare gli studi perché non possono permetterseli – 50.000 studenti in meno soltanto dal 2011 al 2012!»

La reale funzione dei test d’ingresso si inserisce in un quadro già di per sé disastroso, che soprattutto dopo i tagli imposti da UE, BCE e FMI ci consegna un’università fatta di tasse universitarie sempre più alte, libri di testo dal costo insostenibile e tirocini gratuiti che oggi sono una forma mascherata dello sfruttamento selvaggio dei giovani lavoratori. A questo si aggiunge la totale assenza di garanzie per i giovani laureati di trovare lavoro, a dimostrazione di come i test oggi siano funzionali unicamente agli interessi delle classi dominanti. «Non siamo contrari per principio ad una forma di programmazione del numero dei laureati nei diversi settori, che è necessaria per i posti di lavoro.» ha precisato Spena proprio in relazione a questo tema «Questa pianificazione, da realizzare con metodi differenti rispetto al semplice test, deve tuttavia partire dalla reale possibilità di tutti di partecipare partendo dalle stesse condizioni e con gli stessi diritti. Rivendichiamo un’università di massa che sia realmente gratuita, accessibile a tutti e capace di garantire un futuro stabile, ma siamo ben coscienti che oggi più che mai, nel pieno di un attacco senza precedenti ai nostri diritti, l’unica via praticabile è la lotta cosciente e organizzata contro questo sistema.»

12 APRILE IN PIAZZA CONTRO UNIONE EUROPEA E GOVERNO RENZI

Scritto il by admin in Comunicati, Lavoro, Nazionale | Lascia un commento  

Il nostro futuro non è la disoccupazione, non saremo gli schiavi del 21° secolo.

In tutta Europa aumenta la disoccupazione giovanile e peggiorano le condizioni dei salari e dei diritti dei lavoratori. Le nuove generazioni sono colpite in modo particolare da questo processo mentre assistiamo alla crescita dell’accumulazione di quote sempre maggiore di profitto nelle mani dei grandi gruppi monopolistici. Banche, società, grandi catene commerciali e produttive prosperano sull’impoverimento delle masse popolari.

L’Unione Europea ha un ruolo fondamentale in questo processo. Nel 2013, l’UE ha organizzato 5 conferenze sulla disoccupazione. Tuttavia, invece di diminuire, la disoccupazione è aumentata enormemente: 26 milioni di persone sono disoccupate, 120 milioni di persone vivono in questo momento sotto la soglia di povertà. La disoccupazione dei giovani di età compresa tra 18 e 30 anni, in alcuni paesi supera il 50% e nell’UE raggiunge il 25%. La “libertà di movimento” all’interno dell’Unione Europea dimostra di essere una libertà per gli uomini d’affari di sfruttarci dove hanno bisogno di noi e con ogni mezzo. L’emigrazione dei giovani dai paesi europei, interna ed esterna alla UE è una realtà, ed in ogni paese dell’Unione Europea le ricette contro la disoccupazione sono le stesse: aumento della precarietà, diminuzione dei salari e aumento degli orari di lavoro, intensificazione dello sfruttamento in qualunque modo possibile.

In Italia anche il governo Renzi presenta le stesse vecchie ricette mascherate come novità. Il “Jobs Act” non è altro che il ricorso alla precarietà e alla riduzione dei diritti in cambio di posti di lavoro temporanei e a bassa remunerazione salariale, alimentando la competizione al ribasso tra lavoratori. I piani di privatizzazioni, i tagli ai servizi sociali, il mantenimento delle precedenti riforme sull’età pensionabile dimostrano chiaramente l’intenzione del governo, sostenute dalla maggioranza assoluta delle forze politiche, della Confindustria, con l’appoggio complice dei sindacati concertativi. Renzi è una nuova illusione, ma le sue ricette sono le stesse dei governi di questi anni.

Il 12 aprile si svolgerà a Roma una manifestazione contro il governo Renzi e contro la disoccupazione giovanile a cui come Fronte della Gioventù Comunista parteciperemo. Un momento di lotta nell’ambito di una campagna politica generale sui temi del lavoro e della disoccupazione giovanile, che si inserisce nel quadro di mobilitazione svolto insieme alle altre organizzazioni giovanili comuniste europee, e che in questi mesi siamo impegnati a portare avanti. Saremo in piazza nonostante esista una forte distanza sulle parole d’ordine rivendicate dalle diverse organizzazioni nella stessa giornata del 12 aprile, su cui non rinunciamo a dire la nostra posizione, che con convinzione porteremo in tutte le mobilitazioni. Leggi il resto

DICHIARAZIONE COMUNE SULLA DISOCCUPAZIONE IN EUROPA

Scritto il by admin in Comunicati, Internazionale | Lascia un commento  

“Non saremo gli schiavi del 21° secolo! Lottiamo per posti di lavoro permanenti e stabili con pieni diritti!”

Giovani disoccupati, giovani lavoratori nei Programmi per l’Occupazione dell’Unione Europea;

Nel 2013, l’UE ha organizzato 5 conferenze sulla disoccupazione. Tuttavia, invece di diminuire, la disoccupazione è aumentata enormemente: 26 milioni di persone sono disoccupate, 120 milioni di persone vivono in questo momento sotto la soglia di povertà. La disoccupazione dei giovani di età compresa tra 18 e 30 anni, in alcuni paesi supera il 50% e nell’UE raggiunge il 25%!

I vari “programmi per l’occupazione” applicati dall’UE e dai governi capitalisti per i giovani sono una beffa: invece di lavoro con diritti, offrono “opportunità” sottopagate per alcuni mesi e solo per pochi. Essi ci trasformano da “lavoratori” a “persone beneficiate”, si parla di “garanzia per i giovani” che in realtà garantiscono solo i profitti del capitale, fornendo manodopera gratuita per i datori di lavoro senza alcun diritto per i lavoratori. Invece di misure per la protezione dei disoccupati, presentano benefici economici per i padroni. Questi programmi sono un pretesto per abolire anche i diritti che ancora esistono.

La “libertà di movimento” all’interno dell’Unione Europea dimostra di essere una libertà per gli uomini d’affari di sfruttarci dove hanno bisogno di noi e con ogni mezzo. La recente esperienza di migliaia di giovani immigrati in Europa mostra che per i figli della classe operaia e degli strati popolari, ovunque c’è lo stesso destino: lavoro senza diritti, salari che non possono coprire i bisogni primari, intensificazione dello sfruttamento in qualunque modo possibile (garanzie per la gioventù, mini jobs, contratti a zero ore …).

La vasta disoccupazione segna l’impasse del sistema di sfruttamento capitalistico. La disoccupazione è parte del DNA del sistema, i capitalisti continuano a trarre profitto anche in questo modo. Giovani lavoratori nei Programmi Europei per l’Occupazione: organizzatevi nei vostri sindacati! Rafforzate la linea di classe della lotta! Rivendicate il vostro diritto a un lavoro stabile con diritti, a un salario decente! Giovani disoccupati: non rinunciate! Organizzatevi in comitati, rivendicando il lavoro stabile con diritti! Rivendicate i vostri diritti alla sicurezza sociale e alla sanità, agli aumenti delle indennità di disoccupazione!

Unitevi alla gioventù comunista nella lotta di massa per difendere e ampliare i nostri diritti, nella lotta per l’abolizione definitiva del sistema di sfruttamento che dà origine alla disoccupazione, per una società in cui i lavoratori e il popolo avranno il potere e la ricchezza prodotta nelle loro mani. Solo in quella società sarà garantito il lavoro con diritti per tutti, perché tutti i lavoratori produrranno per le proprie necessità e non per i profitti dei capitalisti.

Gioventù Comunista di Austria – KJOE
COMAC Belgio
EDON Cipro
Unione della Gioventù Comunista della Rep. Ceca – KSM
Movimento della Gioventù Comunista di Francia – MJCF
Gioventù Socialista dei Lavoratori di Germania – SDAJ
Gioventù Comunista di Grecia – KNE
Fronte di Sinistra di Ungheria – Baloldali Front
Fronte della Gioventù Comunista, Italia – FGC
Lega della Gioventù Comunista Rivoluzionaria (bolscevichi) RKSMb – Russia
Collettivi dei Giovani Comunisti, Spagna – CJC
Unione delle Gioventù Comuniste di Spagna – UJCE
Lega della Gioventù Comunista di Jugoslavia – SKOJ
Giovani del Partito Comunista di Turchia – YTKP
Gioventù Comunista di Svezia – SKU


SCUOLA. NUOVO MINISTRO CONFERMA VECCHI PROGETTI, LA LOTTA UNICA STRADA PER CAMBIARE

Scritto il by admin in Comunicati, Scuola | Lascia un commento  

Dal nuovo governo, in carica da soli dieci giorni, giungono già segnali inequivocabili su quello che sarà l’indirizzo politico in materia di scuola e università. Il nuovo Ministro dell’Istruzione è Stefania Giannini, esponente di Scelta Civica già nota agli studenti per le sue dichiarazioni in favore del prestito d’onore.

È di pochi giorni fa la dichiarazione del ministro Giannini secondo la quale “le scuole private e quelle statali dovrebbero avere eguali diritti”, affermazione che ha accompagnato lo sblocco dei fondi regionali alle scuole paritarie per un totale di 223 milioni di euro, da sommare ai 260 milioni di euro già previsti per l’anno scolastico in corso. A ciò si aggiunge il progetto di legge depositato in Parlamento, che sembra in parte l’ennesima riedizione del famoso “pdl Aprea”. Si parla di nuovo di sostituire il Consiglio di Istituto delle scuole con un “Consiglio dell’Autonomia” che vedrà fra i propri membri esponenti delle “realtà economiche e produttive”, vale a dire rappresentanti di aziende private, che solo formalmente non avranno diritto di voto circa le decisioni del Consiglio. Se si pensa che i continui tagli alla scuola pubblica hanno ridotto la scuola in ginocchio e che in nome della “autonomia” si spingono gli istituti verso la richiesta di finanziamenti esterni, è facile immaginare che laddove i finanziamenti giungano da aziende private queste non avranno bisogno del voto per piegare alla propria volontà le decisioni del Consiglio di Istituto (o “dell’Autonomia”). Leggi il resto

MUSTILLO (FGC): «RENZI? NUOVA ILLUSIONE PER VECCHI PROGRAMMI»

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale | Lascia un commento  

«La staffetta tra Letta e Renzi, tutta interna al PD e a questo sistema economico e politico, non cambierà nulla sulla natura e sulle politiche di questo governo. Sia chiaro, la gioventù, i lavoratori, gli studenti non devono attendersi nulla di buono, nulla di nuovo da un governo targato Matteo Renzi.»  – Questa la dichiarazione del segretario del Fronte della Gioventù Comunista, Alessandro Mustillo -  «Una politica compromessa tenta di ottenere momentanee boccate d’ossigeno sfruttando facce nuove. Nuove illusioni per vecchi programmi, che tentano di mascherare la reale crisi di rappresentanza delle istanze delle classi subalterne, e dunque della maggioranza del paese, all’interno degli organi della democrazia parlamentare. Il governo Renzi sarà l’esecutivo dei grandi monopoli della finanza e dell’industria, con il PD che ancora una volta si dimostra l’asse portante delle politiche di difesa degli interessi delle classi dominanti. Un governo che assicurerà stabilità nel semestre di presidenza europeo e che si appresta a dare l’ultimo colpo ai diritti dei lavoratori, alla scuola e all’università pubblica.»

«La gioventù comunista – conclude la nota – è pronta a dare battaglia sulle proposte che introdurranno maggiore precarietà sul lavoro, diminuzione dei salari, e condizioni peggiorative per la scuola e l’università pubblica. Conosciamo le idee di Renzi e non ci attendiamo nulla di buono, e siamo convinti che anche questa illusione avrà breve durata.»

VENEZUELA. FGC: «SOSTEGNO A MADURO, INTENSIFICARE PROCESSO RIVOLUZIONARIO.» 

Scritto il by admin in Comunicati, Internazionale | Lascia un commento  

Esprimiamo la nostra solidarietà alla gioventù e al popolo venezuelano contro la violenza orchestrata e prezzolata dall’imperialismo statunitense con l’appoggio della borghesia nazionale, che con ogni mezzo ostacola e attacca la rivoluzione bolivariana. Crediamo che il popolo venezuelano abbia la forza necessaria per respingere questo attacco provocatorio. Oggi più che mai è chiaro che questo sarà possibile solamente intensificando il processo di sviluppo socialista della società e allontanando definitivamente dal paese i gruppi capitalistici nazionali ed internazionali.

Commissione internazionale FGC