COMUNICATO SULLE ELEZIONI IN VENEZUELA

Scritto il by admin in Comunicati, Internazionale | Lascia un commento  

La sconfitta della coalizione bolivariana in Venezuela è un duro colpo per la lotta antimperialista nel continente latinoamericano. Un evento in grado di compromettere un processo di emancipazione che seppure con alcune contraddizioni, ha portato ad un miglioramento di vita oggettivo delle classi popolari in paesi da sempre sottomessi al dominio dei grandi monopoli. Un’analisi complessiva della situazione sarà possibile solo dopo i dati definitivi e con l’aiuto dei compagni venezuelani. Quel che è certo è che non si tratta di un fulmine a ciel sereno.

In questi anni il FGC ha sempre dimostrato il suo pieno sostegno antimperialista alla causa venezuelana, aggiungendo ad esso la chiara convinzione che solo la rottura completa del sistema economico incardinato sulla proprietà privata dei mezzi di produzione e distribuzione, e conseguentemente del sistema politico borghese che lo rappresenta, avrebbero potuto spezzare una volta per tutte l’influenza della borghesia venezuelana e dei settori imperialistici nel paese. Una linea sempre ribadita negli incontri bilaterali, nelle attività internazionali di solidarietà, sposando la linea politica del PCV e della gioventù comunista. Alla solidarietà religiosa professata da alcune organizzazioni, associazioni, circoli di amicizia, reti, o singoli individui che vivono per fare “le rivoluzioni degli altri”, abbiamo sempre preferito un rapporto schietto, che crediamo debba caratterizzare i rapporti tra organizzazioni rivoluzionarie, ritenendo inoltre che la prima e più forte solidarietà fosse la costruzione in Italia di un forte partito comunista e di una gioventù comunista.

Siamo certi che non tutto il patrimonio di questi anni sia andato perduto, e che anche da risultati negativi i veri rivoluzionari sappiano trarre insegnamenti per il futuro. Il socialismo, anche nel XXI secolo non può che partire da una rottura completa del dominio borghese, in campo economico e politico, rifiutando qualsiasi idea di condizionare la propria borghesia o semplicemente di limitarne il potere. Questa lezione viene – ancora una volta – confermata dalla vicenda venezuelana, dando a tutti i rivoluzionari del mondo precise indicazioni sul lavoro da compiere.

Il FGC ribadisce anche in questa occasione il proprio sostegno al PCV, alla JCV e alle forze bolivariane che sostengono il Presidente Maduro, confermando il proprio compromesso politico con la lotta per il socialismo e l’emancipazione dal dominio imperialista. Nella vittoria e nella sconfitta chi lotta per il socialismo conterà sempre sul nostro sostegno.

Segreteria nazionale FGC

ALLA SAPIENZA IL MERCATO DELLE VACCHE: SILENZIO ELETTORALE VIOLATO E BANCHETTI AI SEGGI.

Scritto il by admin in Comunicati, Scuola, Università | Lascia un commento  

Le elezioni della Sapienza sono il mercato delle vacche, nelle facoltà banchetti elettorali delle liste, nuove affissioni e distribuzione di materiale di propaganda durante le operazioni di voto in palese violazione del silenzio.

Il regolamento elettorale dell’università prevede che la propaganda elettorale termini «dalle 24 ore precedenti all’apertura dei seggi». Eppure facendosi un giro per l’università si vedono decine di rappresentanti delle tre liste principali (Sapienza in Movimento, Vento di Cambiamento-Fenix e Studenti Indipendenti) intenti a effettuare banchetti, distribuire volantini materiale di propaganda agli studenti all’ingresso delle facoltà, o addirittura davanti all’entrata dei seggi. Decine di studenti vengono letteralmente accompagnati al seggio a votare con annesso candidato che distribuisce materiale elettorale per evitare che sbaglino qualche voto di preferenza. Ogni mattina compaiono nuovi manifesti nelle facoltà e gli studenti trovano nuovi volantini e materiale di propaganda ad accoglierli sui banchi nelle aule. Una situazione intollerabile, in cui le liste principali stanno sistematicamente violando il regolamento, con un evidente danno per chi a quelle regole si sta attenendo. La nostra critica non arriva di certo a sostenere, come previsto dalla legge nazionale che sia vietata qualsiasi attività dei candidati a 200 metri dai seggi, né che alle elezioni universitarie non debba essere consentito un carattere di maggiore elasticità nella propaganda.

Non critichiamo il fatto che i candidati siano presenti nelle facoltà, che intercettino e parlino con gli studenti con cui normalmente hanno rapporti durante tutto l’anno. Ben diverso è mobilitare schiere di persone, per lo più pagate da strutture politiche, dipendenti di partiti, sindacati, che stabilmente si presentano ai seggi per condizionare continuamente il voto degli studenti. Sappiamo che dietro alle elezioni universitarie ruotano forti interessi economici e di legittimazione delle forze politiche, non solo studentesche, e per questo riteniamo intollerabile quanto sta accadendo, a palese danno di chi si oppone ad una gestione padronale dell’università, che vive di questa corruzione e complicità di settori studenteschi. Una pratica che lungi dal portare gli studenti al voto, continua ad allontanare sempre più studentesse e studenti, che sono disgustati da questi metodi che finiscono per diventare uno specchio della corruzione della politica ad altri livelli.

Dai seggi ci vengono poi segnalati diversi casi di studenti ammessi a votare senza il documento con certificazioni di garanzia fatte da altri studenti, che non dovrebbero avere alcun valore nelle procedure elettorali.  Un dipartimento ha invitato a votare indirettamente una lista inviando agli studenti il video elettorale realizzato da «Sapienza in Movimento».

Il FGC ha presentato in queste ore un esposto alla commissione elettorale con tutte le violazioni registrate in questi giorni, documentate con fotografie e video che saranno pubblicati in queste ore.

Leggi il resto

DICHIARAZIONE POLETTI. FGC: « QUESTA È L’UNIVERSITÀ PER FUTURI PRECARI CHE HANNO COSTRUITO»

Scritto il by admin in Comunicati, Università | Lascia un commento  

«Le dichiarazioni di Poletti sono vergognose, ma non ci stupiscono più di tanto, perché non fanno altro che confermare la degenerazione dell’istruzione universitaria degli ultimi decenni, che è il risultato di precise scelte politiche» – questo il commento di Paolo Spena, resp. scuola e università FGC, sulla dichiarazione del Ministro del Lavoro Poletti al “Job&Orienta” di Verona. «Non è un mistero che nell’università di oggi, con un percorso di studi concepito come un investimento economico sul proprio futuro e un modello basato sul “3+2” e sui crediti formativi, la valutazione e dunque le conoscenze acquisite contino sempre meno. Peccato però che quando Poletti parla di “entrare il prima possibile nel mercato del lavoro” non dice che si tratta di un mondo del lavoro precario.»

«Seguire il consiglio di Poletti – spiega infatti la nota – significa inseguire un miraggio, perché si tratta di una corsa in cui chi arriva primo è più precario degli altri. Un grande favore a chi vuole una dequalificazione crescente del lavoro e chiede lavoratori con sempre meno diritti e tutele, per abbattere il costo del lavoro e garantire ai padroni maggiori profitti. Non conta certo l’età che si ha al momento dell’entrata nel mercato del lavoro, ma al contrario sono proprio le maggiori competenze a garantire una maggiore forza contrattuale, seppur temporanea e insufficiente. Né in questo caso è rilevante che i giovani europei escano prima dall’università, perché la precarietà è una legge che vale per tutti.»

«È chiaro che non ci basta un 110 e lode per accontentarci» – conclude Spena -«semplicemente perché non basta a salvare uno studente dalla precarietà, figuriamoci un’intera generazione.  Un Ministro del Lavoro serio, piuttosto che consigliare ai giovani di finire l’università in fretta e furia pur di buttarsi nella mischia, dovrebbe affrontare  seriamente questo problema e puntare a garantire un lavoro a tutti, laureati o meno. Se al contrario si incentiva la precarietà (si pensi al Jobs Act) è perché questa è, assieme alla disoccupazione, l’elemento che più di tutti assicura l’abbattimento dei costi del lavoro e garantisce margini di profitto ai padroni. Non provino a raccontarci che saremo disoccupati o precari a causa della nostra permanenza in università. Questa può essere soltanto la giustificazione addotta da un governo che sta sacrificando il futuro della gioventù dinanzi agli interessi delle grandi imprese e dei monopoli europei.»

MUSTILLO (FGC): «BONUS 500 EURO E’ ELEMOSINA SPOT»

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale | Lascia un commento  

«L’idea di promuovere l’accesso alla cultura per i giovani sarebbe iniziativa lodevole se avesse carattere strutturale e non di elemosina, che sa tanto di spot elettorale – questa la dichiarazione di Alessandro Mustillo, segretario nazionale FGC -  Non dimentichiamo che mentre con una mano Renzi promette i 500 euro con l’altra toglie 660 milioni alla scuola e all’università nella legge di stabilità. Critichiamo poi l’idea del contributo a pioggia indipendentemente dalla condizione di partenza. Dividere in parti uguali tra diseguali è la più grande ingiustizia che si possa fare. Sarebbe molto più utile impegnare quei fondi nella copertura delle borse di studio, quando ancora oggi migliaia di studenti che avrebbero i requisiti si vedono negare la borsa di studio per mancanza di fondi stanziati.

Sostenere il diritto dei giovani all’istruzione, alla cultura, alla valorizzazione del tempo libero – continua la nota -  vuol dire pianificare una società nella quale sia data a tutti la possibilità di accedere all’istruzione senza spese (libri di testo, contributi…); di frequentare studi universitari o corsi professionali senza differenze di classe che impongano la scelta; di avere un sistema culturale improntato alla diffusione della cultura e non al profitto dei gruppi monopolistici delle case editrici, musicali, cinematografiche; di avere una diffusione della cultura e dello sport nei quartieri attraverso strutture pubbliche adeguate. Vuol dire anche sostenere questi diritti abbattendo i costi dei trasporti pubblici; assicurare un lavoro stabile e non precario per consentire di pianificare la propria esistenza; avere una casa senza doversi caricare mutui insostenibili. Questa idea di futuro che noi comunisti abbiamo per la gioventù è in antitesi con l’attuale società, con il profitto privato, con le forze politiche che difendono questo sistema.

Una politica di questo tipo  – conclude Mustillo – avrebbe ben altro impatto sociale rispetto ad un bonus unico versato in un solo anno.  Combatterebbe realmente il disagio presente in larghi strati della gioventù, spesso lasciati nel totale disagio, al consumo di droga e all’abuso di alcol nei quartieri popolari come unica – apparente – alternativa alla condizione attuale. La gioventù italiana sa bene che il governo Renzi con una mano da un contributo fittizio e con l’altra sta cancellando il futuro di intere generazioni. Rigettare la politica spot è un atto di coscienza e maturità politica, per una generazione che non si accontenta delle briciole, ma che vuole prendere in mano il proprio destino.» Leggi il resto

FGC: « NECESSARIO FISSARE SALARIO E ORARIO PER STUDENTI IN ALTERNANZA»

Scritto il by admin in Comunicati, Scuola | Lascia un commento  

«Per evitare lo sfruttamento degli studenti in stage bisogna stabilire chiaramente i loro diritti sul luogo di lavoro» – questo ha affermato Paolo Spena (resp scuola e università del Fronte della Gioventù Comunista) in seguito all’inchiesta della Guardia di Finanza che ha portato alla denuncia di 6 imprenditori, accusati di aver sfruttato la manodopera di 2700 studenti provenienti da 36 scuole del centro-sud. Gli studenti coinvolti, fra cui molti minorenni, ufficialmente erano in alternanza scuola-lavoro, ma nella realtà erano impiegati come manodopera a basso costo presso alberghi e ristoranti, con retribuzioni inferiori ai 60 euro settimanali.

«Tutt’altro che un caso isolato, al contrario è evidente la vera natura dell’alternanza scuola-lavoro voluta da Renzi» – ha commentato Spena – «La nostra proposta è molto semplice: chiediamo che nella Carta dei diritti degli studenti in alternanza scuola-lavoro, prevista dalla riforma, venga fissata una retribuzione minima per gli studenti in stage, che non deve essere inferiore al 60% del salario di categoria. Chiediamo anche che i turni di lavoro siano limitati ad un massimo di 4 ore giornaliere e 20 settimanali, innalzabile solo nel caso dei tirocini estivi a 6 ore e 30 ore. Infine, è chiaro che nelle scuole c’è bisogno di più collegialità e trasparenza: finché saranno i Presidi a stipulare gli accordi con le imprese, casi come questo saranno la norma.»

Leggi il resto

FGC: «SOSTEGNO A SCIOPERO DEL 20 NOVEMBRE»

Scritto il by admin in Comunicati, Lavoro, Nazionale | Lascia un commento  

Il Fronte della Gioventù Comunista manifesta il suo appoggio ai lavoratori in sciopero il 20 novembre. Il governo Renzi appoggiato e sostenuto dalla Confindustria e dai sindacati collaborazionisti ha dimostrato in questi mesi di essere un governo contro i lavoratori. Ha cancellato l’articolo 18, esteso la precarietà ai contratti a tempo indeterminato attraverso il Jobs Act, dato via libera ai demansionamenti, avvallato riduzioni salariali e aumenti degli orari di lavoro.

Con la legge di stabilità il governo si appresta a continuare il trasferimento di ricchezza dai lavoratori ai grandi monopoli. Dopo l’assenza di sei anni del rinnovo contrattuale, l’attuale  governo delle banche, dell’alta finanza e del grande capitale, propone un nuovo contratto con 5 euro di aumento mensili  a fronte di norme che indeboliranno ulteriormente i diritti dei lavoratori, e della conseguenza contestuale  perdita di diritti e servizi del popolo.

Mentre la tassazione sul lavoro resta a livelli stratosferici nessun provvedimento viene introdotto per tassare le rendite finanziarie; ai pochi spiccioli di aumenti corrispondono miliardi di euro nel sostegno delle imprese. Una legge che aumenta le spese militari, ulteriormente incrementate con il pretesto della guerra al terrorismo, per finanziare gli interventi imperialistici in Medio Oriente. Una legge che cancella i fondi all’istruzione, all’università e alla ricerca con 660 milioni di tagli in tre anni.

Il FGC sostiene le forze sindacali che pongono come proprio orizzonte la costruzione del sindacato di classe e la rottura con la logica compromissoria di CGIL, CISL, UIL. Difendiamo la presenza dei sindacati di lotta, anche contro la proposta avanzata dal governo, di comprimere ulteriormente il diritto di sciopero. Respingiamo la retorica dell’unità nazionale che si alimenta con il terrorismo e che diviene il pretesto per comprimere i diritti sociali e le libertà democratiche, a tutto vantaggio dell’azione dei gruppi del capitale monopolistico. Respingiamo le politiche della UE e della Nato e lottiamo per il distacco del nostro paese da ogni alleanze imperialistica.

Leggi il resto

COMUNISTI SECONDA FORZA ALLE ELEZIONI STUDENTESCHE A ROMA

Scritto il by admin in Comunicati, Scuola | Lascia un commento  

La lista «Contro la scuola di classe» promossa dal FGC ha ottenuto oggi alle elezioni provinciali della consulta degli studenti di Roma il 18% dei consensi, risultando la seconda lista dietro a quella di centrosinistra (31% appoggiata da Uds, Fds, Reds, Giovani Democratici, Gioventù Federalista Europea e altre sigle). Seguono le liste di destra e neofasciste. Il FGC ha eletto due consiglieri di presidenza, Francesca Palisi (Isa Roma I) e Pietro Salvan (Liceo Plauto). Un risultato importante che rafforza la nostra presenza e che incrementa il risultato rispetto alle scorse elezioni ( +3%) a testimonianza del lavoro politico che il FGC sta conducendo nelle scuole romane, in questi giorni reso evidente nelle mobilitazioni contro la riforma della scuola.

Ancora una volta sulle elezioni romane ha pesato la presenza di liste neofasciste e la possibilità di un loro incremento di voti, che nella realtà non è accaduto. Un ritornello che da anni difende la lista unitaria di centrosinistra che si avvantaggia da questa situazione, anche se in calo di voti rispetto agli anni precedenti. Il FGC ritiene che il fascismo vada sradicato dalle scuole e dai quartieri e che in nome dell’antifascismo non sia possibile nessun patto con le organizzazioni che sono allineate con la politica del governo Renzi. I sindacati e i collettivi studenteschi che sostengono le organizzazioni giovanili legate al governo sono i migliori alleati della propaganda neofascista nelle scuole.

Il FGC lavorerà nei prossimi due anni per far avanzare le rivendicazioni di una scuola pubblica, gratuita e accessibile a tutti, che da sempre ci vedono impegnati nelle scuole, confermando la propria opposizione senza tregua alle politiche del governo e a quanti le sosterranno.

Il FGC NON ADERISCE ALL’APPELLO «NOUS SOMMES UNIS»

Scritto il by admin in Comunicati, Internazionale, Lavoro | Lascia un commento  

Il FGC non aderisce all’appello “nous sommes unis” promosso dalle organizzazioni studentesche in seguito agli attentati di Parigi. Condanniamo senza esitazioni l’attentato di Parigi e il terrorismo islamico, che oggi rappresenta una grave minaccia per la sicurezza dei popoli. Un crimine inaccettabile e senza giustificazioni, che segue ad una serie di altrettanto gravi ed inaccettabili attentati condotti in Nord Africa e Medio Oriente per i quali nessuna voce si è levata.

Chiedere che le istituzioni europee e la comunità internazionale compiano ogni sforzo al fine di assicurare la pace nel medio oriente e nel Mediterraneo” – senza accennare alle pesanti responsabilità che proprio i governi europei hanno avuto, foraggiando consapevolmente l’estremismo islamico per destabilizzare i governi di paesi non allineati (Iraq, Libia, Siria) nell’interesse dei grandi monopoli –  è del tutto inaccettabile. Una posizione che non condanna apertamente le politiche imperialiste che oggi sono la principale minaccia per la pace mondiale; implicitamente finisce per giustificarle e per legittimare la guerra.

Firmare un appello assieme alle organizzazioni studentesche vicine al Partito Democratico (Federazione degli Studenti, Rete Universitaria Nazionale), partito al governo che è responsabile della politica imperialista e di riarmo dell’Italia, significa tradire la lotta per la pace di cui tanto si parla.  Rigettiamo con fermezza la retorica dell’unità nazionale, che oggi è la più grande copertura per assolvere dalle loro responsabilità i governi responsabili dell’ascesa del terrorismo islamico.

Lottare contro il terrorismo significa lottare contro l’imperialismo. Il FGC non si associa a iniziative che anche con propositi altri, finiscano per legittimare la politica imperialista degli Stati Uniti, dei paesi della UE e degli altri stati imperialistici oggi in competizione. La vostra solidarietà si converte nel migliore aiuto all’imperialismo. La nostra solidarietà marcia di pari passo alla lotta per spezzare questo sistema.

link dell’appello non firmato dal FGC con i firmatari italiani: https://noussommesunis.wordpress.com/

LOTTARE CONTRO IL TERRORISMO E L’IMPERIALISMO

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale | Lascia un commento  

Gli attacchi terroristici a Parigi rappresentano un crimine senza giustificazione verso decine di giovani e lavoratori francesi.  Il terrorismo islamico rappresenta oggi una minaccia reale alla sicurezza dei popoli del mondo, che per anni si è alimentata nelle guerre condotte dagli stati imperialisti in nord africa e medio oriente, che ha potuto contare sul supporto politico, diplomatico, economico e militare di quegli stati che hanno agito e continuano ad agire negli interessi dei propri monopoli. Il sostegno documentato del governo europeo e statunitense a gruppi estremistici di matrice islamica che ne sono divenuti mercenari nella lotta contro alcuni dei governi non allineati, hanno avuto come risultato quello di trasformare la Siria, la Libia, l’Iraq, l’Afghanistan e territori di diversi stati, in polveriere e palestre di addestramento di centinaia di terroristi islamici. Ciò che è accaduto ieri a Parigi succede quotidianamente nei paesi mediorientali e del nord africa, grazie ai risultati degli interventi imperialisti.

Oggi i partiti di governo e l’estrema destra (che si appresta a divenirlo) sono concordi nell’invocare come misure straordinarie la chiusura delle frontiere, l’incremento delle attività militari in africa e medio oriente, la restrizione dei margini delle libertà democratiche nei paesi europei. Queste misure che pure incontrano il favore di una parte della popolazione francese, italiana e di altri stati europei, non sono minimamente in grado di fermare il terrorismo. Sono invece un ottimo pretesto di legittimazione politica per partiti responsabili dell’attuale condizione, che oggi sono travolti dalla crisi economica, e che dietro la retorica dell’unità nazionale cercano di deviare l’attenzione dalle loro responsabilità. Leggi il resto

MUSTILLO (FGC): «IL PD DISTRUGGE LA SCUOLA, GIUSTA PROTESTA CONTRO IL PD»

Scritto il by admin in Comunicati | Lascia un commento  

«Cosa è una bandiera bruciata rispetto ai 600 milioni di tagli che il governo del PD sta facendo approvare per la scuola e l’università? Onestamente trovo la polemica sulla bandiera del PD bruciata del tutto fuori luogo.» – queste le parole di Alessandro Mustillo, segretario nazionale del Fronte della Gioventù Comunista, oggi in piazza in diverse città italiane – «E’ evidente che siamo in presenza dell’ennesimo pretesto per deviare l’attenzione e provare a criminalizzare migliaia di studenti e professori scesi oggi in piazza. Una bandiera bruciata non è nulla rispetto al futuro che il governo del PD sta cancellando a milioni di giovani.  Se il PD brucia il futuro di milioni di giovani non vedo cosa ci sia di male a bruciare una bandiera del PD. Bruciare una bandiera è solo un atto simbolico. Tagliare sulla scuola, cancellare diritti, rendere una generazione precaria e senza diritti, è un atto ben più grave che ha conseguenze di gran lunga peggiori. E’ di questo che dobbiamo parlare, il resto è polemica pretestuosa.»