UN SUCCESSO LA 4° EDIZIONE DI “GUERRILLA”, IL CAMPEGGIO DELLA GIOVENTÙ COMUNISTA

Scritto il by admin in Nazionale | Lascia un commento  

La 4° edizione di Guerrilla, il campeggio estivo organizzato annualmente a Roccella Ionica (RC) dal Fronte della Gioventù Comunista, tenutosi fra il 31 luglio e il 6 agosto, è stata un successo con oltre 150 partecipanti. Un evento importante per la nostra organizzazione, che ha visto tanti giovani, gli stessi che durante l’anno hanno animato e guidato le lotte nelle loro scuole e università, nei loro quartieri e luoghi di lavoro, riuniti in una settimana all’insegna dello svago, dello sport, della cultura e ovviamente della politica su una delle spiagge più belle dello Ionio.

Per la prima volta il campeggio ha ospitato delegazioni internazionali. La mattina del 2 agosto è stata dedicata a un seminario internazionale intitolato “Lotte e obiettivi delle gioventù comuniste”, alla presenza di delegati della Gioventù Comunista di Grecia (KNE), della Gioventù Comunista di Turchia (TKG) e dei Collettivi dei Giovani Comunisti di Spagna (CJC).

Numerose le attività sportive e culturali, con tornei di beach volley, calcetto, ping pong, biliardino, cineforum serate musicali. Attività che lungi dall’essere fini a sé stesse, sono pensate come momenti aggregativi, fondamentali per la crescita e lo sviluppo dei giovani, in cui si afferma un modo diverso di stare insieme e divertirsi, contro la mercificazione che questo sistema opera anche nei confronti dello svago, della cultura e dello sport, sempre più negati ai giovani delle classi popolari.

Non mancano ovviamente le attività politiche. Due mattine sono state dedicate a esercitazioni politiche organizzate dalla commissione formazione del FGC, con l’obiettivo di preparare i quadri e i militanti del FGC ad affrontare un nuovo anno di lotte. Il 5 agosto si è riunito il Comitato Centrale del FGC, che ha discusso la pianificazione dell’attività politica del Fronte nei prossimi mesi. Praticamente ogni giornata è stata dedicata a riunioni settoriali con discussioni specifiche su scuola, università, lavoro, controinformazione e lavoro di propaganda.

«Il campeggio resta un momento importante per la nostra organizzazione» – ha affermato infine Lorenzo Lang, segretario nazionale del FGC – «Quello che abbiamo davanti sarà sicuramente un anno impegnativo. Il FGC ha lanciato un appello per costruire una grande mobilitazione nazionale nel centenario della Rivoluzione d’Ottobre, il prossimo 7 novembre. L’alternanza scuola-lavoro entrerà a pieno regime in questo anno scolastico ed è nostro compito stare in prima linea nelle lotte e nelle mobilitazioni studentesche, così come nelle università. Ad ottobre parteciperemo al Festival Mondiale della Gioventù e degli Studenti organizzato dalla Federazione Mondiale della Gioventù Democratica (WFDY). Torniamo da questa settimana di campeggio pronti ad affrontare tutte queste sfide, con la consapevolezza dell’importanza di ciò che stiamo costruendo e sempre più determinati a rendere il Fronte della Gioventù Comunista il principale punto di riferimento per i giovani delle classi popolari».

__________________________

Guarda tutte le foto cliccando qui

DA GIORNALI DI DESTRA CAMPAGNA ANTICOMUNISTA CONTRO IL CAMPEGGIO DEL FGC

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale | Lascia un commento  


Due recenti articoli, pubblicati rispettivamente dai quotidiani “Il Giornale” (link) e “Il Secolo d’Italia” (link), tentano una improbabile equiparazione tra la vicenda della spiaggia di Chioggia e il campeggio nazionale del FGC che quest’anno terrà la sua quarta edizione a Roccella Jonica. La tesi delle due testate di destra è la seguente: si polemizza sulla spiaggia di Chioggia ma non sul campeggio del FGC, l’apologia di fascismo è reato, quella di comunismo no.

Quello che il Giornale e il Secolo d’Italia stanno chiedendo, in realtà, è che si arrivi a vietare un’attività di un’organizzazione politica giovanile semplicemente per le sue idee comuniste. L’attacco del Giornale al nostro campeggio si inserisce in una più ampia campagna anticomunista, che attraverso l’assurda equiparazione fra il socialismo e il fascismo, mira alla criminalizzazione del movimento operaio e comunista. Ma la storia di milioni di lavoratori che hanno lottato e lottano per i propri diritti, per un futuro di pace e giustizia sociale, non può essere equiparata agli orrori del nazifascismo. L’equiparazione fra il fascismo e il socialismo è da sempre il primo passo che si compie per anticipare la repressione anticomunista. E l’errata impostazione da parte del PD della questione fornisce ovviamente il pretesto per questa operazione. Per questo vorremmo fare alcune precisazioni, con richiesta di pubblicazione della rettifica alle testate interessate:

- In Italia è esistita una dittatura fascista. I comunisti hanno rappresentato la principale forza di opposizione al fascismo, lasciando migliaia di giovani caduti per la liberazione del Paese dal nazi-fascismo. Il principale contributo di sangue alla costruzione di un’Italia democratica, i cui ideali sono purtroppo stati traditi, è stato proprio dei comunisti. Piaccia o no agli autori degli articoli la verità storica è questa, e dopo sessant’anni è ora di farsene una ragione;

- Il sito del campeggio non è uno stabilimento balneare in concessione a un gestore, ma una struttura locale privata, che viene affittata dall’organizzazione. Tale struttura è sita nelle vicinanze di una spiaggia libera utilizzata all’occorrenza, insieme ad altri liberi fruitori della spiaggia;

- Il FGC non è un centro sociale, ma un’organizzazione politica. Qualsiasi tentativo automatico di fare parallelismi generici è privo di riferimenti alla realtà e denota scarsa conoscenza e notevole approssimazione da parte degli autori.

- In cinque anni di attività politica nessun caso della presunta “violenza” che viene fra le righe attribuita alla nostra organizzazione, è stato mai imputato ad un nostro militante, a differenza di quanto accade per le organizzazioni giovanili della destra neofascista. Al campeggio si svolgono attività aggregative, culturali e sportive e di natura politica, con tornei sportivi, cineforum, assemblee studentesche. I pericolosi slogan anti-imperialisti ed estremisti, di cui parla il Giornale, altro non sono che una azione svolta lo scorso anno contro la prospettiva di un intervento militare italiano in Libia. Ma il pessimo giornalismo è capace di trasformare persino un’azione contro la guerra e in difesa della pace in un inneggiamento alla “violenza”…

- Sostenere in modo più o meno esplicito la “pericolosità” di un’organizzazione dato “l’uso di violenza” o che nel nostro campeggio si “incita alla violenza”, si chiama diffamazione.

- Al momento ci limitiamo a ringraziare le testate per la pubblicità gratuita ricevuta, in attesa di valutare margini legali per ulteriori azioni e eventualmente festeggiare più lautamente con quanto verseranno nelle nostre casse a titolo di risarcimento per le affermazioni non veritiere e calunniose contenute negli articoli. Soldi che ovviamente saranno reinvestiti nell’azione di lotta del FGC.

——-

Alleghiamo foto e video delle precedenti edizioni del campeggio del FGC, per permettere a chiunque di rendersi conto della reale natura di questo evento, ben lontana da come vorrebbe dipingerlo la stampa di destra.

Qui il video della terza edizione (2016).

Qui le foto della terza edizione (2016)

Qui le canzoni di lotta e della Resistenza criticate negli articoli

Qui le foto della seconda edizione (2015)

Appello per la costruzione di una grande mobilitazione per il Centenario della Rivoluzione d’Ottobre

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale | Lascia un commento  

Il prossimo 7 novembre cadrà il centesimo anniversario della Rivoluzione d’Ottobre. Da quella rivoluzione nacque il primo Stato socialista della storia dell’umanità, governato dai lavoratori e dal loro partito. Per quasi un secolo i lavoratori e i popoli oppressi di tutto il mondo hanno guardato all’Unione Sovietica sapendo che essa incarnava le loro migliori speranze e aspirazioni. In vista di questa ricorrenza, il Fronte della Gioventù Comunista fa appello a tutta la gioventù, ai lavoratori, ai comunisti per costruire a Roma una grande mobilitazione nazionale, operaia e comunista, in occasione del centenario della Rivoluzione d’Ottobre.

Leggi il resto

TRUMP CONTESTATO, STRISCIONE AL COLOSSEO: «NOT WELCOME»

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale | Lascia un commento  
Chi firma accordi per 100 miliardi di forniture di armi all’Arabia Saudita, principale sponsor del terrorismo; chi bombarda la Siria; chi tenta di rovesciare il governo venezuelano di Maduro; chi intende confermare e appesantire la politica di blocco economico contro Cuba; chi minaccia la guerra con la Corea del Nord; chi sostiene gli interessi imperialistici dell’oligarchia finanziaria americana in tutto il mondo non è il benvenuto a Roma.

NO ALLA GUERRA IN SIRIA!

Scritto il by admin in Comunicati, Internazionale, Nazionale | Lascia un commento  


Il Fronte della Gioventù Comunista condanna fermamente l’aggressione imperialista avvenuta nei confronti della Siria da parte delle forze armate degli Stati Uniti. L’attacco missilistico contro la base di Al Shayrat è la dimostrazione che negli scorsi giorni abbiamo assistito ad una battente campagna mediatica volta giustificare un intervento militare diretto contro la Siria dietro lo spauracchio dell’utilizzo delle armi chimiche anche in assenza di prove, come già tentato nel 2013 e come accaduto nel caso dell’aggressione imperialista all’Iraq nel 2003.

Condanniamo, come abbiamo fatto sin dall’inizio dell’esplosione del conflitto, i piani di spartizione della Siria e gli enormi interessi monopolistici, legati soprattutto alla posizione strategica di quel paese sul tracciato del progetto del più grande gasdotto del mondo, alla base di un potenziale escalation militare e nel complesso le politiche imperialiste di USA e UE che hanno condotto alla guerra civile in Siria tramite il finanziamento di forze islamiste e terroriste, con gravissime conseguenze per il popolo siriano. Ribadiamo la nostra piena solidarietà al Partito Comunista Siriano, all’Unione della Gioventù Comunista Siriana – Khaled Bagdash e a tutto il popolo siriano, e il sostegno alla loro lotta condotta da anni in condizioni durissime.

Leggi il resto

25 MARZO IN PIAZZA CONTRO L’UNIONE EUROPEA CON IL PARTITO COMUNISTA

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale | Lascia un commento  

 

Il 25 marzo il Fronte della Gioventù Comunista (FGC) sarà in piazza a Roma al fianco del Partito Comunista per manifestare contro l’Unione Europea in occasione dei 60 anni dei trattati istitutivi della CEE, della Ceca e dell’Euratom, le tre antenate dell’Unione Europea. In quell’occasione i primi ministri e i capi di stato europei saranno a Roma per celebrare l’anniversario e ribadire il loro accordo alle politiche antipopolari della UE. I lavoratori e i popoli europei subiranno in quei giorni il culmine di una campagna di disinformazione e propaganda a favore della UE che va avanti da mesi, con spot televisivi, concorsi pubblici, iniziative nelle scuole e nelle università, con lo scopo di conquistare consenso popolare alle politiche europee e convincere le classi popolari che non esiste alcuna alternativa alla UE e a questo sistema. Il Partito Comunista scenderà in piazza il 25 marzo alla fine di una campagna di informazione sulla natura reale della UE che i militanti stanno conducendo in tutta Italia nei luoghi di lavoro, nelle scuole, nelle università. In questi sessant’anni l’Unione Europea ha: Leggi il resto

8 MARZO DI LOTTA

Scritto il by admin in Comunicati, Lavoro, Nazionale | Lascia un commento  

Comunicato congiunto della Commissione Femminile del Partito Comunista e della Commissione Donne del Fronte della Gioventù Comunista

Ciò che sta avvenendo oggi a danno delle donne, dallo sfruttamento ai licenziamenti, dai femminicidi ai maltrattamenti, è il segno chiaro dei tempi di una crisi sociale ed economica, dove tutto ciò che era stato conquistato prima, con decenni di lotta e di rivendicazione di classe, sempre più velocemente scivola via. Senza freni si arriva alla costruzione di un contesto sociale dove arretramento ed imbarbarimento dei rapporti umani, in generale e anche dentro le classi popolari sono sempre peggiori, improntati alla violenza ed alla prevaricazione e dove permangono concezioni patriarcali organiche ad una società improntata ai valori fondanti del capitalismo, quelli dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo e dell’accaparramento del profitto in capo a pochi individui. Leggi il resto

STUDENTI IN PIAZZA IL 17 NOVEMBRE. VIA L’ACCORDO MIUR – GRANDI IMPRESE!

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale, Scuola | Lascia un commento  

La gioventù comunista chiama gli studenti di tutta Italia a scendere in piazza il 17 novembre in occasione della Giornata Internazionale degli Studenti. Già lo scorso 7 ottobre ci siamo mobilitati per rivendicare una scuola diversa, fatta su misura degli studenti e dei futuri lavoratori, e non modellata in base agli interessi delle grandi imprese, della Confindustria e dei padroni. Le risposte del Governo Renzi sono state una legge di stabilità in cui non si inverte in alcun modo la tendenza di questi anni, con pochi spiccioli per il diritto allo studio, e un accordo con 16 grandi imprese e multinazionali sull’alternanza scuola-lavoro, che trasformerà 27mila studenti in manodopera a basso costo su cui fare profitti. È significativo che di questi ben 10mila studenti saranno mandati a lavorare da McDonald, in barba alla retorica che parla di alternanza come esperienza formativa che serve a combattere la disoccupazione e la precarietà. Una “buona scuola” sì, ma per i padroni, non per gli studenti. Leggi il resto

SALUTO ALL’ASSEMBLEA DI RICOSTITUZIONE DELLA FGCI

Scritto il by admin in Nazionale | Lascia un commento  

*Testo dell’intervento di Paolo Spena, Vice Segretario nazionale del Fronte della Gioventù Comunista, al congresso della FGCI del 24/25 settembre 2016.

Cari compagni e care compagne,

vorrei portare il saluto del Comitato Centrale del Fronte della Gioventù Comunista alla vostra iniziativa di oggi, con l’augurio che essa possa essere un contributo positivo alla ricostruzione comunista in Italia.

Il Fronte della Gioventù Comunista ha impostato da sempre la propria attività nella direzione dell’unità comunista, a partire dal percorso che ha portato alla nascita della nostra organizzazione. Oggi l’unità dei comunisti è una necessità storica, è necessario unire le forze realmente marxiste-leniniste e garantire alla classe operaia, alle classi popolari e alla gioventù la presenza di un forte e radicato partito comunista, unico strumento per un cambiamento reale e vittorioso.

La nostra generazione ha un compito fondamentale: superare gli errori del passato e procedere in questo cammino lungo e importante. Per farlo dovremo essere capaci di combattere tanto le divisioni, quanto gli opportunismi e gli errori politici. Dovremo impegnarci affinché il processo di ricostruzione comunista sia messo sul giusto binario, evitando di ricommettere nuovamente gli sbagli del passato.

Pensiamo che nell’immediato i comunisti debbano rifiutare ogni forma di alleanza con il Partito Democratico, partito che risponde agli interessi dei settori maggioritari del grande capitale e che è responsabile delle politiche antipopolari. E ovviamente rifiutare ogni forma di alleanze con la gioventù del Partito Democratico. Ma siamo convinti che i comunisti debbano anche rompere con quella sinistra che oggi è interprete e portatrice di illusioni sulla riformabilità del capitalismo, sulla riformabilità di istituzioni imperialiste come la UE e la Nato… posizioni che rendono la sinistra cosiddetta radicale una parte integrante dello schieramento delle forze borghesi. Parliamo di quella sinistra che ha gioito per l’elezione di Tsipras e che oggi porta su di sé tutte le responsabilità delle politiche antipopolari condotte nel quadro del mantenimento del sistema di compatibilità con la UE, con l’euro e con il sistema capitalistico.

Compagni e compagne, il movimento comunista, non dobbiamo nascondercelo, attraversa una fase di debolezza, che è frutto della sconfitta storica subita con la controrivoluzione in Unione Sovietica. A questo però si somma, in Italia, la mancata analisi degli errori strategici del processo della cosiddetta “rifondazione comunista”. Manca un giudizio che sia oggettivo, e non animato da religiosità e santificazione, categorie che non appartengono ai comunisti, su quella che fu chiamata la “via italiana al socialismo”, sui limiti e le contraddizioni che lo stesso Partito Comunista Italiano ha avuto nella storia del dopoguerra.

Oggi nel momento in cui il capitalismo mostra tutte le sue contraddizioni, assistiamo all’impoverimento delle grandi masse lavoratrici di fronte all’arricchimento di pochi individui; assistiamo a un incremento del processo di centralizzazione e concentrazione del capitale. Oggi più che mai c’è bisogno dei comunisti e l’analisi di Marx risulta attuale e reale. Le nuove generazioni, pur immerse nel sistema dell’egemonia del pensiero unico capitalistico, vedono ogni giorno avanzare le ragioni materiali delle nostre idee, sentono sulla pelle il carattere reale dello sfruttamento e percepiscono l’insicurezza di un futuro sempre più incerto.
Nel mondo aumenta la corsa agli armamenti, perché il contrasto tra le potenze imperialiste per il controllo dei mercati e delle risorse è un contrasto senza scrupoli, che arma le guerre, che fomenta e finanzia il terrorismo, conflitti, spinge milioni di persone ad abbandonare la propria terra. E in Europa – anche a causa della perdita di radicamento e di ottica di classe della sinistra – si rianimano vecchi e nuovi fascismi, che abbiamo il dovere di combattere.

Alle nuove generazioni di comunisti spettano questi compiti enormi ma avvincenti. Uno di questi compiti è anche ricostruire e rafforzare i legami internazionali. Siamo convinti che nella fase imperialista del capitalismo, di fronte alla globalizzazione che avanza sempre di più, sia tanto più necessario che i comunisti riconquistino strumenti di discussione e di azione unitaria a livello internazionale, che rompano isolamenti e superino i semplici contatti bilaterali, che sono del tutto insufficienti.

Abbiamo sempre operato in questa direzione, lo stiamo facendo in queste ore ad Atene con incontri che stiamo tenendo in occasione del festival della KNE, lo facciamo nelle iniziative internazionali, come l’Incontro delle Gioventù Comuniste Europee ospitato proprio alcuni mesi fa a Roma dalla nostra organizzazione. Lo facciamo nel lavoro della Federazione Mondiale della Gioventù Democratica anche a partire dal prossimo Festival Mondiale della Gioventù: in merito a questo vi invitiamo a prendere parte nel Comitato promotore del Festival per l’Italia che abbiamo ricevuto l’onere e l’onore di organizzare.

Vi rinnoviamo i nostri saluti, convinti che si possa sviluppare un lavoro comune, che contribuisca fattivamente alla ricostruzione comunista in Italia, che sia foriero di discussioni per far avanzare il livello teorico e politico comune. Non per forza le gioventù devono ricommettere i medesimi errori del passato, anzi dal canto nostro siamo coscienti di avere il dovere rivoluzionario di fronte alla classe operaia e alla storia, di superare gli errori, dotare questo paese di un forte partito e di una forte gioventù comunista, impegnare ogni nostra energia e lavoro nella direzione della lotta rivoluzionaria per conquistare l’avvenire socialista del nostro paese.

Grazie, compagni.

DISOCCUPAZIONE, SFRUTTAMENTO, PRECARIETÀ… NON È QUESTIONE DI FERTILITÀ!

Scritto il by admin in Nazionale | Lascia un commento  

Oggi il governo si rivolge alle giovani coppie, con il Fertility Day, esortandole a fare figli finché si trovano ancora nell’età biologica adatta a procreare. Secondo il Ministro della Salute Lorenzin il tasso di natalità in Italia sarebbe diminuito a causa di problemi legati alla fertilità dei giovani, che dovrebbero dunque fare in modo di preservarla. Tagli alle scuole pubbliche di ogni ordine e grado, un welfare sociale sempre più scricchiolante, un sistema sanitario schiacciato da una parte dalla scarsità di personale e di risorse economiche (che vengono invece investite per nuove spese militari e per ripianare i debiti delle banche); dall’altra dagli obiettori di coscienza che minano alle base l’universalità del sistema sanitario: di tutti questi fattori che certo influiscono negativamente sulla natalità non si fa parola!

 Il governo Renzi è il governo della Buona Scuola e del Jobs Act, ligio ai dettami dell’Unione Europea, che segna il futuro della gioventù: un’occupazione all’ordine della precarietà e dello sfruttamento che non consente a noi giovani di fare progetti nemmeno a breve termine… e ci vengono a parlare di età biologica per avere figli! Per promuovere la natalità bisognerebbe garantire alle giovani coppie un lavoro, una casa, la maternità e paternità garantiti a tutti i livelli contrattuali, un’istruzione gratuita e di qualità per i propri figli. Le progressive privatizzazioni, portate avanti dai governi che si sono susseguiti in questi anni, hanno anche toccato pesantemente la sanità. Le strutture sanitarie pubbliche, a causa della scarsità delle risorse economiche investite dallo Stato, hanno ridotto drasticamente il personale o nei casi peggiori, vengono parzialmente o totalmente chiuse. Coloro che non hanno la possibilità economica di potersi curare nelle cliniche e strutture private,per raggiungere l’ospedale pubblico più vicino, sono costretti a spostarsi in altre città, e questo espone le giovani mamme e i nascituri a possibili rischi per la salute.

Bisogna rimettere al centro la questione del Lavoro e dei lavoratori, i loro diritti e la loro tutela, in un paese strozzato sempre più dalla crisi del sistema capitalista, che mostra oggi, sempre più, tutto il suo fallimento. Non venite a dirci che il nostro problema è la “fertilità”. Il Fronte della Gioventù Comunista lotta al fianco di giovani studenti e lavoratori affinché anche le famiglie popolari possano garantire un futuro dignitoso ai propri figli e la scelta di avere una famiglia sia una scelta libera da ogni costrizione imposta dalla condizione sociale.

Commissione Donne FGC