TEANO: CROLLA IL SOFFITTO DURANTE LA LEZIONE IN UNA SCUOLA MEDIA.

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale, Scuola | Lascia un commento  

immagine di repertorio

Crolla il soffitto in testa in testa agli studenti. Una tragedia sventata ieri mattina alla scuola media di Teano (Caserta) grazie all’intervento della professoressa, che durante la lezione ha fatto rifugiare i ragazzi sotto i banchi.

«Un crollo ogni quattro giorni di scuola: ecco la vera emergenza sicurezza» dichiara Alessandro Fiorucci, resp. scuola del FGC «Gli studenti in pericolo nelle scuole italiane sono centinaia di migliaia. Le strutture scolastiche versano in condizioni preoccupanti e sono spesso prive dei certificati di agibilità, mettendo a rischio ogni giorno la vita di studenti e professori. Leggi il resto

12 OTTOBRE: STUDENTI IN PIAZZA CONTRO IL GOVERNO

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale, Scuola | Lascia un commento  

In questi giorni è suonata la prima campanella per milioni di studenti delle scuole superiori. Un’apertura dell’anno scolastico all’insegna della repressione e della continuità rispetto agli anni precedenti. Infatti, fin dalle primissime ore di lezione in centinaia di scuole si sono svolti blitz della polizia. Una stretta repressiva che, sotto lo slogan “Scuole Sicure”, si inserisce nella politica securitaria promossa dal Ministro Salvini e costruisce un clima asfissiante, che ci abitua a un ambiente scolastico sempre più autoritario. La ricetta del governo di fronte alle mille carenze e contraddizioni del sistema educativo sta nel sorvegliare gli studenti con nuove telecamere e controlli di polizia, sfruttando queste misure a scopo di propaganda. Leggi il resto

[FIRENZE] TEST MEDICINA. FGC: «DA QUESTURA ATTO INTIMIDATORIO. SOLIDALI CON MILITANTI FERMATI»

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale, Università | Lascia un commento  

*Comunicato della segreteria nazionale del Fronte della Gioventù Comunista in seguito al fermo di sei militanti del FGC, colpevoli di manifestare contro i test d’ingresso di medicina all’università di Firenze. I sei militanti sono stati portati in Questura e perquisiti. Un minorenne è stato condotto in una stanza separata e sottoposto a interrogatorio.

«Il fermo di sei militanti della gioventù comunista che distribuivano volantini contro i test d’ingresso operato oggi dalla polizia fiorentina è un atto intimidatorio che non fermerà la lotta della nostra organizzazione» Così in una nota la segreteria nazionale del FGC commentando i fatti di oggi. «Perquisizioni e interrogatori separati, per il solo fatto di aver distribuito un volantino che inneggiava all’uguaglianza sociale e alla difesa del sistema sanitario nazionale. Questa è la risposta di una polizia sempre più autoritaria, forte di un Ministro dell’Interno pronto ad istaurare un clima di repressione e di vero e proprio arbitrio. In ogni caso sempre più studenti si rendono conto dell’assurdità di questi test e anche oggi hanno dimostrato la loro solidarietà con la nostra lotta. Tutta la nostra organizzazione – conclude la nota – è solidale con i militanti fermati e darà battaglia al loro fianco, continuando a lottare per i diritti e il futuro della gioventù»

Elezioni universitarie alla Sapienza, avanzano i comunisti

Scritto il by admin in Nazionale | Lascia un commento  

Alle elezioni del 20-23 marzo il Fronte della Gioventù Comunista ha registrato un ottimo risultato, con una crescita significativa in tutti gli organi dove ha presentato la propria lista: «L’incremento medio dei voti è compreso fra il 40% e il 70% rispetto alle elezioni di dicembre 2015, portando il FGC ad essere la quarta lista dell’ateneo con il 4,5% e 10 candidati eletti in 6 facoltà differenti. Compito di tali rappresentanti è ora quello di dare ancora più forza al lavoro svolto fin ora, in un numero più elevato di organi» – questo il commento di Gianluca Lang, responsabile FGC nell’ateneo romano. «Il Partito Democratico e le altre forze politiche, dopo anni di tagli ai finanziamenti e rincari delle tasse, pretendono di mettere i propri iscritti in seno agli organi centrali delle università italiane. Il nostro obiettivo è quello di denunciare l’opportunismo e l’ipocrisia di queste forze, e i risultati ci dimostrano che siamo sulla buona strada.»

Finita la fase elettorale prosegue e non si interrompe la lotta della gioventù comunista per portare le posizioni e gli interessi degli studenti dentro e fuori dalle istituzioni dell’Ateneo: «Difesa degli studenti-lavoratori, lotta contro le tasse universitarie, lo sfruttamento dei tirocinanti sanitari, la mancanza di studentati; i diritti per i lavoratori esternalizzati delle università. Questi sono stati i temi della nostra campagna elettorale, e continueranno ad essere i temi della nostra lotta nei prossimi anni. L’Università di classe sta eliminando i ceti popolari dall’accesso agli studi superiori, ed in questa lotta i comunisti non possono permettersi di arretrare nemmeno di un metro.»

Per i giovani servono diritti e sicurezza, basta politica dei bonus

Scritto il by admin in Nazionale | Lascia un commento  

«Ai giovani in Italia servono sicurezza e stabilità per il futuro, non i bonus di Renzi», così Lorenzo Lang, segretario del Fronte della Gioventù Comunista, sulla proposta del PD di versare a tutti gli under 30 con reddito inferiore ai 30mila euro un bonus “anti-bamboccioni” di 150€ al mese per pagare l’affitto. «Per Renzi ormai ogni problema del paese si risolve elargendo bonus come mance elettorali, è diventata una presa in giro grottesca. In Italia c’è la più alta percentuale in Europa di giovani che vivono con i genitori perché non esiste nessuna sicurezza. Bisognerebbe parlare del diritto ad avere un lavoro sicuro e stabile, del diritto ad avere una casa. Insomma di tutti quei diritti che in questi anni i governi del PD hanno attaccato, e che non possono essere soppiantati con un bonus.»

«La nostra proposta è semplice: puntare alla piena occupazione riducendo l’orario di lavoro settimanale e l’età pensionabile; fare in modo che questo lavoro non sia più precario abolendo tutte le riforme sul lavoro che hanno condannato la nostra generazione alla precarietà. Espropriare gli immobili di proprietà dei grandi gruppi immobiliari e delle banche per assegnare una casa a ogni giovane coppia e a chiunque sia in emergenza abitativa. Solo così si può ridare futuro a una generazione che se l’è visto togliere».

Contratti a termine da 36 a 24 mesi. Lang (FGC): «Misura da spot elettorale del PD, giovani lavoratori non abbassino la guardia»

Scritto il by admin in Lavoro, Nazionale | Lascia un commento  

In questi giorni è sotto esame della commissione Bilancio alla Camera una proposta del PD di modifica del decreto Poletti – varato dal governo Renzi nel 2013 e approvato con ampia maggioranza ed il voto favorevole del PD –  che abbasserebbe il limite di durata dei contratti a termine da 36 a 24 mesi. A presentare in commissione l’emendamento alla legge di bilancio è la responsabile lavoro del PD Chiara Gribaudo, che ha dichiarato: “il nostro faro è l’occupazione stabile”.

A smorzare i toni trionfalistici è la dura condanna del Fronte della Gioventù Comunista (FGC):  «il PD, con una incredibile faccia tosta, presenta questa modifica come una correzione di rotta e una misura di contrasto alla precarietà – afferma Lorenzo Lang, segretario nazionale FGC – ma questo abbassamento della durata massima dei contratti a termine non scalfisce nemmeno minimamente l’effetto delle misure di precarizzazione del lavoro targate PD degli ultimi anni, a partire dallo stesso decreto Poletti e ovviamente il Jobs Act, per arrivare alle manovre sul lavoro della legge di bilancio 2018. Leggi il resto

Condanniamo l’espulsione di Leila Khaled. Governo italiano chino dinanzi a lobby filo-israeliane

Scritto il by admin in Nazionale | Lascia un commento  

Il Partito Comunista (PC) e il Fronte della Gioventù Comunista (FGC) condannano duramente la decisione delle autorità italiane di negare l’ingresso nel paese a Leila Khaled, storica combattente palestinese ed esponente del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (PFLP), in Italia per una serie di iniziative a Roma, Napoli e Cagliari in occasione del 50° anniversario della fondazione del PFLP. Come riporta l’Unione Democratica Arabo-Palestinese (UDAP), organizzatrice degli eventi, Leila Khaled aveva ottenuto un visto per l’Europa, e poco più di un mese fa aveva tenuto conferenze in Spagna e in Belgio, presso il Parlamento Europeo. Leggi il resto

FGC: «Salutiamo il congresso dei giovani lavoratori della Federazione Sindacale Mondiale»

Scritto il by admin in Lavoro, Nazionale | Lascia un commento  

Il Fronte della Gioventù Comunista saluta il terzo congresso dei giovani lavoratori della Federazione Sindacale Mondiale (FSM) che si terrà a Roma in questi giorni sotto lo slogan “Il futuro non arriverà da solo se non agiamo”. Salutiamo gli oltre 150 giovani quadri sindacali da oltre 50 paesi che vi prenderanno parte, molti dei quali si trovano nelle lotte dei rispettivi paesi a fianco delle nostre organizzazioni sorelle e abbiamo avuto modo di ritrovare in tante  iniziative internazionali.

Ovunque nel mondo i grandi monopoli cercano di conquistare nuovi profitti e vincere la competizione tra di loro riducendo i costi del lavoro e ottenendo dai governi a loro subordinati leggi e forme contrattuali tutte a loro vantaggio. A pagare il prezzo sono sempre i lavoratori, ed in maniera spiccata i giovani lavoratori. I sistemi d’istruzione vengono sempre più piegati agli interessi dei grandi monopoli, spingendo su una formazione di massa dequalificata e vicina alle esigenze delle grani imprese e sull’espulsione dei giovani delle classi popolari dalle università. I giovani cominciano a lavorare senza neanche quei diritti strappati nei paesi capitalisti dal movimento operaio nel dopoguerra, a costo di una durissima lotta e grazie alla presenza dei paesi socialisti che fornivano un esempio e una costante minaccia per i monopoli. L’offensiva padronale seguita alla controrivoluzione nei paesi socialisti dell’Est Europa ha cancellato quasi totalmente questi diritti e oggi i giovani che si approcciano al lavoro sono sottoposti a contratti precari e a continui ricatti col contraltare di una disoccupazione giovanile su percentuali altissime.

Il contrattacco delle classi popolari passa necessariamente per il rafforzamento del sindacalismo di classe nel quadro di un rafforzamento del movimento operaio maturo, così come dei partiti comunisti, avanguardie organizzate della classe operaia. Siamo certi che questo terzo congresso dei giovani lavoratori della FSM sarà un ulteriore passo in avanti nell’approfondimento dell’intervento sindacale indirizzato ai giovani lavoratori e nella formazione di giovani quadri sindacali capaci e combattivi, e ne aspettiamo i risultati sicuri che saranno utili per i rafforzamento della costruzione del sindacato di classe anche in Italia. Auguriamo buon lavoro ai delegati!

Viva la Federazione Sindacale Mondiale e il sindacato di classe!

UN SUCCESSO LA 4° EDIZIONE DI “GUERRILLA”, IL CAMPEGGIO DELLA GIOVENTÙ COMUNISTA

Scritto il by admin in Nazionale | Lascia un commento  

La 4° edizione di Guerrilla, il campeggio estivo organizzato annualmente a Roccella Ionica (RC) dal Fronte della Gioventù Comunista, tenutosi fra il 31 luglio e il 6 agosto, è stata un successo con oltre 150 partecipanti. Un evento importante per la nostra organizzazione, che ha visto tanti giovani, gli stessi che durante l’anno hanno animato e guidato le lotte nelle loro scuole e università, nei loro quartieri e luoghi di lavoro, riuniti in una settimana all’insegna dello svago, dello sport, della cultura e ovviamente della politica su una delle spiagge più belle dello Ionio. Leggi il resto

DA GIORNALI DI DESTRA CAMPAGNA ANTICOMUNISTA CONTRO IL CAMPEGGIO DEL FGC

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale | Lascia un commento  


Due recenti articoli, pubblicati rispettivamente dai quotidiani “Il Giornale” (link) e “Il Secolo d’Italia” (link), tentano una improbabile equiparazione tra la vicenda della spiaggia di Chioggia e il campeggio nazionale del FGC che quest’anno terrà la sua quarta edizione a Roccella Jonica. La tesi delle due testate di destra è la seguente: si polemizza sulla spiaggia di Chioggia ma non sul campeggio del FGC, l’apologia di fascismo è reato, quella di comunismo no. Leggi il resto