DICHIARAZIONE COMUNE DELLE GIOVENTU’ COMUNISTE EUROPEE

Scritto il by admin in Comunicati, Internazionale, Nazionale | Lascia un commento  

Il 7 e 8 marzo 2015, a Francoforte si è svolto l’11° Incontro delle Gioventù Comuniste Europee con il titolo “70 anni dopo la vittoria Antifascista dei popoli: il capitalismo genera ancora crisi, fascismo, guerre. La speranza per la gioventù è riposta nel futuro socialista”. Come organizzazioni partecipanti, abbiamo sottoscritto la seguente dichiarazione comune:

L’8 e il 9 Marzo del 1945, il fascismo è stato sconfitto ed è stata posta fine ai più grandi crimini dell’umanità. La caduta del fascismo è riuscita dopo un lungo processo di lotta da parte delle forze antifasciste, specialmente l’Unione Sovietica, dei movimenti di liberazione nazionale, del ruolo importante giocato dai partiti comunisti e del decisivo contributo della gioventù. I soldati dell’Armata Rossa e l‘intero popolo Sovietico hanno contribuito con grandi sacrifici, e hanno pagato il più prezzo per raggiungere tale vittoria. Con la vittoria antifascista, l’Unione Sovietica ha guadagnato grande prestigio internazionale.

Abbiamo ogni ragione e responsabilità per prendere insegnamento dalla storia, per imparare la verità e lottare per essa. Dobbiamo imparare dall’esperienza e dalle conclusioni della lotta titanica dei popoli per la liberazione sociale e per i consistenti miglioramenti di vita e condizioni lavorative per i giovani e per il popolo tutto. Dobbiamo integrarli nella nostra lotta contemporanea.

Oggi, e specialmente dopo la vittoria della Controrivoluzione in Unione Sovietica e negli altri paesi socialisti, uno sforzo coordinato a livello internazionale ha iniziato la revisione e la riscrittura della storia. L’Unione Europea, con la sua politica ufficiale anticomunista, si trova in prima linea in questo attacco. Dichiarando il 9 Maggio come “Il giorno dell’Europa”, l’Unione Europea tenta di cancellare questo giorno come vittoria antifascista dei popoli d’Europa con la partecipazione determinante dell’Unione Sovietica e dei comunisti di tutti i paesi occupati. Essa coltiva il proprio selvaggio anticomunismo come ideologia ufficiale. Promuove la teoria antiscientifica e reazionaria dell’equazione tra fascismo e comunismo tentando di acclamare l’innocenza del sistema capitalista, del quale l’ideologia fascista è parte integrante. Allo stesso tempo, diffama il socialismo-comunismo, che rappresenta la vera minaccia ai suoi interessi. In questo modo, l’Unione Europea rivela il suo vero volto, un’unione interstatale capitalista che favorisce gli interessi dei monopoli. Leggi il resto

FGC: «OPERATO DELLA DIGOS A MILANO CANCELLA NOSTRO DIRITTO A MANIFESTARE».

Scritto il by admin in Comunicati, Nord | Lascia un commento  

Questa mattina in occasione delle manifestazioni studentesche, la polizia ha sequestrato le aste delle bandiere del Fronte della Gioventù in piazza impedendo di fatto la riconoscibilità del nostro spezzone, limitando la libertà di manifestazione e minacciando gli studenti di denunce e provvedimenti. Per due anni il FGC ha manifestato a Milano ed in tutta Italia (nella stessa giornata anche a Roma e in altre piazze) con le stesse modalità senza che alcun provvedimento simile fosse imposto. Non riteniamo casuale che questa situazione avvenga proprio in una giornata di mobilitazione studentesca dove in piazza c’erano solo ed esclusivamente studenti delle scuole superiori, tutti minorenni. L’azione della polizia ha quindi un evidente scopo intimidatorio che denunciamo con forza.

Diciamo fin da subito che non siamo disposti a prestare il fianco a teoremi accusatori di alcun tipo sulla natura di bandiere che sono sempre state utilizzate a solo scopo di riconoscimento dell’organizzazione nelle piazze, come tutti i precedenti di manifestazioni dimostrano. Respingiamo preventivamente ogni tentativo di criminalizzare l’attività politica che il FGC svolge a Milano, tentando di impedire e fermare la crescita della nostra organizzazione specie tra gli studenti delle scuole. L’attività della polizia oggi oltre ad essere ingiustificata e priva di qualsiasi ragione effettiva, ha leso il nostro diritto di manifestare. Un diritto protetto dalla Costituzione che purtroppo va sempre più restringendosi insieme ad una serie di libertà oggi ridotte dall’evidente svolta autoritaria che si sta costruendo in Italia.

FGC: «NO ALLA RIFORMA, OGGI IN PIAZZA CON GLI STUDENTI.»

Scritto il by admin in Comunicati, Scuola | Lascia un commento  

Il Fronte della Gioventù Comunista partecipa alle mobilitazioni studentesche del 12 marzo nelle maggiori città italiane, associandosi alla richiesta degli studenti per il ritiro della proposta di legge sulla “Buona Scuola”. La riforma del governo Renzi prosegue sulla strada già percorsa dai governi di centrodestra e centrosinistra di questi anni, mira a smantellare il sistema della scuola pubblica, a garantire ingresso e potere ai privati nelle scuole. La questione fondamentale del diritto allo studio e della gratuità dell’istruzione viene completamente elusa, come inconsistenti sono le modifiche sul piano didattico che sarebbero necessarie. In sostanza si continueranno a scaricare sulle famiglie i costi della scuola, in un momento in cui uno studente su tre non riesce a diplomarsi, con l’istruzione che da diritto universale diventa privilegio di classe. Chiediamo anche il ritiro dei provvedimenti relativi alla formazione scuola-lavoro, che mettono gli studenti nelle mani di aziende private trasformandoli in manodopera a basso costo.

A partire da oggi il FGC lancia la sua proposta di petizione con obiettivo 50.000 firme nelle scuole italiane per chiedere il ritiro della riforma e norme che tutelino il diritto allo studio, rendendolo realmente universale e gratuito.

SCUOLA. FGC LANCIA PETIZIONE STUDENTESCA CONTRO BUONA SCUOLA.

Scritto il by admin in Comunicati, Scuola | Lascia un commento  

In questi giorni il governo si appresta a varare la proposta di legge di riforma del sistema d’istruzione, contro cui in autunno gli studenti si sono battuti scendendo nelle piazze di tutta Italia, occupando le proprie scuole, costruendo assemblee e mobilitazioni per rivendicare la necessità di una scuola pubblica di qualità, che sia gratuita ed accessibile a tutti.  Il governo si è dimostrato completamente sordo a queste istanze, preferendo continuare sulla strada già percorsa dal governo Berlusconi, garantendo ingressi ai privati, modificando in peggio la condizione delle scuole.

Da tempo abbiamo avanzato alcune proposte che sono essenziali per rendere effettivo il diritto all’istruzione, in un Paese dove, anche a causa della crisi, uno studente su tre non riesce a diplomarsi e in cui la scuola pubblica rappresenta un costo sempre più insostenibile per le famiglie. Questi punti saranno, a partire dalle mobilitazioni del 12 marzo, oggetto di una petizione studentesca che punta a raggiungere 50.000 firme tra gli studenti delle scuole superiori di tutta Italia prima dell’approvazione del disegno di legge del governo.

Chiediamo il ritiro della proposta di riforma e la sostituzione con disegni di legge che riformando la scuola pubblica partano dalla richiesta di gratuità dell’istruzione: no ai contributi studenteschi, pieno finanziamento della scuola pubblica da parte dello Stato senza differenziazioni qualitative finalizzate a creare scuole di serie A e serie B; no ai finanziamenti diretti ed indiretti a livello nazionale, regionale e locale, alle scuole private; impegno da parte dello Stato a coprire i costi per i libri di testo, costatato il fallimento di qualunque politica contenitiva dei prezzi che gravano sulle famiglie; impegno delle istituzioni per la gratuità dei trasporti per gli studenti, con abolizione dei relativi vincoli economici del patto di stabilità. Per quanto attiene alla gestione delle scuole: rigetto dei poteri manageriali ai presidi, aumento della collegialità negli istituti; abolizione delle misure che consentono l’ingresso di fondazioni, imprese private, banche e altri enti privati nelle scuole. Ripensare la formazione professionale in modo che essa sia funzionale all’istruzione e ai diritti degli studenti e non all’interesse delle imprese; basta stages da sfruttamento, basta manodopera a basso costo e senza diritti per le aziende, no alla delega della formazione professionale ai privati. Piano straordinario per l’edilizia scolastica di 10 miliardi di euro nei prossimi cinque anni, per rendere le scuole sicure e funzionali.

Le risorse necessarie sono indicate nel taglio del programma F-35 e nel contenimento della spesa militare, con il taglio delle missioni all’estero; tassazione delle rendite finanziarie e della speculazione, taglio dei finanziamenti alle scuole private. Ovviamente non ci aspettiamo che il governo, fedele agli interessi delle grandi impresse, e ai dettami di UE, BCE e FMI segua queste proposte, ma puntiamo ad aumentare la coscienza tra gli studenti e togliere ogni alibi al governo. Noi non rigettiamo la consultazione e avanziamo proposte chiare, saranno loro ad assumersi la responsabilità di respingerle, chiarendo a tutti, oltre proclami e belle parole, quale è la natura di questo governo.

8 MARZO: NON UNA FESTA. DONNA PROLETARIA ALZA LA TESTA

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale | Lascia un commento  

La Giornata Internazionale della Donna fu istituita il 14 luglio del 1921 dalla Seconda Internazionale delle donne comuniste a Mosca, a pochi giorni dall’apertura del terzo Congresso dell’Internazionale Comunista. Giornata e non festa della donna come viene mediaticamente pubblicizzata e ricordata, non al ricordo di un  incendio negli Stati Uniti, accaduto in altra data, ma a commemorare una manifestazione svoltasi nella capitale Russa, l’8 Marzo del 1917, guidata dalle donne operaie contro la tirannide zarista, per rivendicare la fine della guerra, per onorare tutte quelle donne sovietiche che combatteremo e si sacrificarono per la libertà del proprio popolo, per sottolineare i progressi assolutamente avanguardistici fatti dall’Unione Sovietica in tema di diritti e libertà, per ricordare gli enormi passi avanti compiuti dalle donne in tutto il mondo e quelli che si dovranno ancora compiere.
L’8 Marzo dovrebbe essere l’occasione per ricordare tutte quelle donne in ogni parte del mondo che si sono sacrificate, che hanno lottato per la piena libertà del proprio genere e della classi popolari; dovrebbe essere un giorno in cui poter sottolineare come la donna viva un doppio sfruttamento in questo sistema, uno sfruttamento che continua ad acuirsi e che non si risolve certo con un posto in più tra i banchi del Parlamento o con qualche ruolo istituzionale. Leggi il resto

FGC: IN PIAZZA CON GLI STUDENTI NELLE MOBILITAZIONI CONTRO LA “BUONA SCUOLA”

Scritto il by admin in Comunicati, Scuola | Lascia un commento  

Il 27 febbraio il Governo Renzi darà ufficialmente il via ai procedimenti di attuazione della riforma della scuola, depositando un decreto legge e un disegno di legge delega. L’intenzione dichiarata è quella di farla entrare in vigore già dal prossimo anno scolastico. La “Buona Scuola” di Renzi rappresenta l’ultima tappa di un progetto iniziato decenni fa, condotto al ritmo di una riforma a governo. Renzi avanza rivendicando una “consultazione” con il mondo della scuola condotta lo scorso autunno, che in realtà ha coinvolto una parte minima del mondo della scuola (e degli studenti, quasi per nulla considerati) e si è dimostrata priva di qualsiasi fondamento democratico.

La “Buona Scuola”, dietro la maschera di questa finta consultazione inscenata per l’occasione, è l’ennesimo colpo dato all’istruzione pubblica, una vera e propria privatizzazione mascherata delle scuole statali, a tutto vantaggio delle imprese private. Scuole pubbliche trasformate in scuole-aziende, finanziate non più dallo Stato ma “autonome”,  cioè guidate da un “Preside-manager” che avrà il compito di attirare nel “suo” istituto i finanziamenti privati. Una riforma che parte dal presupposto che i finanziamenti statali non basteranno mai, mentre si tace sulla responsabilità politica di un Governo che continua a regalare milioni alle scuole private. Poco più di 30 milioni investiti per il diritto allo studio e contro la dispersione scolastica, dinanzi a quasi 500 milioni di finanziamenti alle scuole private; 700 milioni all’edilizia scolastica, una miseria che non basterà a rimettere in sicurezza scuole in cui i crolli sono all’ordine del giorno, dinanzi a 9 miliardi di euro per l’acquisto degli F-35. Ogni anno 100 miliardi di soli interessi sul debito  pubblico vengono regalati alle grandi banche europee. Queste sono le cifre che il Governo nasconde, mentre afferma che i soldi “non ci sono” e che la scuola pubblica deve essere affidata nelle mani del capitale privato. Le imprese private finanzieranno le “buone scuole” di Renzi, potendo così rivendicare una didattica del tutto asservita ai propri interessi. Questa privatizzazione di fatto viene definita dal Governo un “investimento” di tutto il territorio sulla scuola, che non può essere più un peso per il governo. Nulla si dice sui contributi scolastici che ogni anno le famiglie sono costrette a pagare per tenere in piedi le scuole, e che oggi sono la vera fonte di finanziamento delle scuole statali. Leggi il resto

VENEZUELA. FGC«A CARACAS PER SOLIDARIETA’ CON GOVERNO BOLIVARIANO».

Scritto il by admin in Comunicati, Internazionale | Lascia un commento  

Una delegazione del Fronte della Gioventù Comunista parteciperà in questi giorni alla brigata di solidarietà internazionale promossa dalla Federazione Mondiale della Gioventù Democratica dal 20 al 28 febbraio in Venezuela, per manifestare il sostegno della gioventù del mondo con la rivoluzione bolivariana ed il governo socialista di Maduro. Mentre oggi la guerra economica condotta dai paesi imperialisti e dalla borghesia venezuelana, con l’abbassamento del prezzo del petrolio, serrate e ritiro di beni di prima necessità, i tentativi di colpi di stato appoggiati dagli USA rischiano di far precipitare il Venezuela nella guerra civile, non dimentichiamo gli straordinari risultati dei governi di Chàvez e Maduro in termini di conquiste sociali per le classi subalterne.

Siamo in Venezuela per sostenere con forza il diritto del popolo venezuelano a marciare nella direzione della costruzione di una società socialista senza ingerenze esterne da parte degli Stati Uniti e degli altri paesi imperialisti. Siamo in Venezuela per sostenere le politiche a favore delle classi popolari mentre in Europa e nei paesi a capitalismo avanzato diritti come l’istruzione, la sanità, la casa, diventano privilegi per pochi e la nostra generazione è destinata ad un futuro di disoccupazione e precarietà.

Lanciamo l’appello a tutti i giovani, ai collettivi, le associazioni studentesche e sindacali, i movimenti di lotta per unirsi a noi e costruire insieme un comitato per la solidarietà al Venezuela Bolivariano, contribuendo a combattere la propaganda anti-chavista dei media occidentali, organizzando insieme iniziative, conferenze, assemlee di discussione e dibattito, e azioni concrete di sostegno e solidarietà. 

info su www.gioventubolivariana.it Leggi il resto

FGC CONTRO MISURE SULLA SCUOLA IN LOMBARDIA.

Scritto il by admin in Comunicati, Nord, Scuola | Lascia un commento  

Ancora tagli all’Istruzione pubblica in Lombardia: rispetto all’anno appena passato ci sarà una riduzione di bilancio sull’assessorato all’Istruzione della Regione Lombardia del 21%, ovvero 38 milioni di euro in meno. Nel frattempo i contributi per le famiglie che decidono di iscrivere i figli ad una scuola privata non solo non diminuiscono, ma addirittura aumentano. Dai 500 euro per la scuola primaria si passa a 700, mentre per la secondaria da 1200 a 1300.

L’assessore Aprea cerca di difendersi affermando che a causa dei consistenti tagli del Governo alle Regioni, la situazione sarebbe potuta essere di gran lunga peggiore. Per anni il sostegno da parte dello Stato alle scuole paritarie è stato giustificato appellandosi ad una fantomatica “libertà di scelta delle famiglie”, le quali avrebbero tutto il diritto di decidere se mandare i propri figli ad una scuola statale o privata. Ma diritto di scelta per chi? Soltanto per i ricchi! Chi può permettersi di spendere decine di migliaia di euro per l’iscrizione a scuola?

Tutto questo accade mentre da anni è in atto un devastante processo di smantellamento dell’istruzione pubblica, una sostanziale negazione del diritto allo studio, si continuano quindi a finanziare le scuole private che, secondo Costituzione, non dovrebbero essere un onere per lo Stato. Proprio mentre le famiglie delle classi popolari sono costrette a sopperire tramite quel vero e proprio furto chiamato contributo volontario agli ingenti tagli operati dai governi di centro-destra e centro-sinistra, mentre il costo dei libri di testo e dei trasporti pubblici cresce, mentre le strutture scolastiche statali crollano letteralmente a pezzi, mettendo in serio pericolo l’incolumità dei ragazzi.

Chiediamo pertanto l’immediato ritiro dei fondi alle scuole private, un adeguato finanziamento all’istruzione statale che garantisca una scuola gratuita e accessibile a tutti.

FGC: «CASTELLINO GIU’ LE MANI DAL NOME FDG»

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale | Lascia un commento  

Apprendiamo dai giornali romani che il gruppo neofascista di Castellino avrebbe utilizzato per i suoi giovani il nome Fronte della Gioventù. Non riteniamo che tale scelta sia casuale, a tre anni dalla costituzione del Fronte della Gioventù Comunista. Ricordiamo che prima che i missini si appropriassero senza titolo di quel nome, il Fronte della Gioventù è stata l’organizzazione dei giovani partigiani che hanno lottato contro il fascismo. Il FdG fu fondato e diretto da Eugenio Curiel, giovane comunista, fino alla sua morte, a causa di un agguato da parte delle brigate nere. Nelle sue fila si contano centinaia e centinaia di giovani partigiani uccisi per la liberazione del Paese. Non siamo disponibili a vedere ancora una volta il nome di un’eroica organizzazione antifascista utilizzato dai neofascisti. Una mossa inoltre che sappiamo bene essere dettata dalla volontà di creare confusione, dal momento che da due anni la gioventù comunista in Italia si è riunita e riorganizzata sotto il nome di Fronte della Gioventù Comunista, proprio per riappropriarsi dello storico nome della formazione partigiana.Castellino e fascisti vari, giù le mani dalla gioventù! Il Fronte della Gioventù è quello antifascista di Curiel!

FGC: «SOLIDALI CON LA LOTTA DI CLASSE DEL POPOLO GRECO, NON CON TSIPRAS.»

Scritto il by admin in Comunicati, Internazionale, Nazionale | Lascia un commento  

Come Fronte della Gioventù Comunista non scenderemo nelle piazze italiane previste per le manifestazioni del 14 febbraio con lo slogan “solidarietà con il popolo greco”, che riteniamo fuorviante rispetto ai reali obiettivi delle manifestazioni e alla condizione del popolo greco. Riteniamo infatti che questa campagna internazionale promossa dalla Sinistra Europea e rilanciata in Italia da tutta una serie di sigle e personalità in cerca di un posto in Parlamento a qualunque costo, sia fuorviante e dannosa. Il giudizio sul governo Tsipras lungi dall’essere ancorato ai fatti reali che si stanno producendo, è condotto a partire da illusioni e false speranze, che alimentano di fatto il sostegno delle masse popolari all’Unione Europea e al sistema capitalistico.

In pochi giorni il governo SYRIZA-ANEL ha già fatto molti passi indietro sulle sue promesse elettorali, come era inevitabile data l’accettazione della permanenza nella UE e nell’euro. Passi indietro che si sommano alla revisione del programma di Syriza già effettuata in vista delle recenti elezioni (nonostante in Italia si spacci ancora per programma del governo Tsipras quello iniziale della formazione politica). Solo per ricapitolare alcuni fatti recenti: Tsipras e Varoufakis hanno dichiarato di accettare il 70% del vecchio memorandum e di voler sostituire il restante 30% con nuovi accordi con le istituzioni europee e l’OCSE, accordi che prevedono il pagamento del debito. Più volte il governo greco ha dichiarato che il popolo onorerà i suoi impegni con i creditori, limitandosi a giocare con le parole sostituendo alla “troika” le istituzioni internazionali che la compongono (UE, BCE, FMI). Nuove riforme e pareggio di bilancio porteranno effetti del tutto simili a quelli già sperimentati in questi anni dai greci. Le dichiarazioni dei primi giorni sono state tutte successivamente smentite dai fatti: dalle privatizzazioni, alla natura delle riforme sul lavoro, passando per la politica internazionale. Leggi il resto