COLLETTIVO PUTILOV: «COSTRUIAMO FGC A FIRENZE.» 

Mai come in questo momento si è mostrata su scala globale tutta la potenza e la violenza dell’avversario di classe nei confronti del proletariato internazionale, un proletariato che si presenta oggi in forme e composizioni tecniche estremamente complesse, non più riconducibile solo all’operaio di linea ma a settori sempre più estesi di lavoratori del terziario, del pubblico impiego, della scuola e dell’università. La crisi che stiamo vivendo e pagando è la crisi strutturale di un sistema nella sua fase estrema (quella dell’imperialismo e del capitalismo finanziario), che per salvare la propria armatura economico-statale è disposto a distruggere e a decimare i suoi stessi fattori produttivi: uno sterminio che oggi si chiama precarizzazione; impoverimento; smantellamento di diritti conquistati in anni e anni di lotte; distruzione delle forme di rappresentanza, della sicurezza sul lavoro; taglio di fondi all’istruzione, alla ricerca, alla spesa pubblica, alla sanità; annientamento progressivo dello stato sociale fino alla messa in discussione e sovvertimento delle stesse leggi della democrazia formale e sostanziale borghese. 

Un simile insieme di condizioni oggettive mostra tutta l’attualità di un progetto comunista che tenda verso la ricostruzione di un blocco storico antagonista che veda come improrogabile necessità la ricomposizione dei conflitti sociali attorno ad un soggetto in grado di proporsi come vettore di tale processo. La ricostruzione di un unico Partito Comunista inserito nel filone ideologico della Terza Internazionale e dotato di una classe dirigente adeguata agli scenari attuali e l’avvio di un processo costituente per la costruzione di un fronte politico unitario anticapitalista e di classe sono priorità imprescindibili che trovano chiara sponda nel Fronte della Gioventù Comunista.

 Il Collettivo Putilov, a seguito della discussione fatta al proprio interno, dopo aver partecipato da invitato al I° congresso nazionale del FGC e avendo preso visione del documento congressuale e delle trattazioni in esso contenute, esprime un giudizio estremamente positivo del percorso fin qui intrapreso e delle premesse del lavoro futuro di questa organizzazione. Riscontrando nel Fronte della Gioventù Comunista analisi e prassi condivisibili, coerentemente con quelle che sono le priorità del Collettivo e il lavoro che ha sempre svolto, il Collettivo Putilov dà indicazione ai proprî giovani membri di iscriversi al FGC e di lavorare per un suo radicamento a partire dal territorio fiorentino.

Al Fronte della Gioventù Comunista, con l’augurio di una proficua prosecuzione,

 il Collettivo Putilov – presidio per il partito comunista

 

Firenze, 17 marzo 2013



Scritto il by admin in Centro, Comunicati, Dai territori, Nazionale

Aggiungi un commento