DA GIORNALI DI DESTRA CAMPAGNA ANTICOMUNISTA CONTRO IL CAMPEGGIO DEL FGC


Due recenti articoli, pubblicati rispettivamente dai quotidiani “Il Giornale” (link) e “Il Secolo d’Italia” (link), tentano una improbabile equiparazione tra la vicenda della spiaggia di Chioggia e il campeggio nazionale del FGC che quest’anno terrà la sua quarta edizione a Roccella Jonica. La tesi delle due testate di destra è la seguente: si polemizza sulla spiaggia di Chioggia ma non sul campeggio del FGC, l’apologia di fascismo è reato, quella di comunismo no.

Quello che il Giornale e il Secolo d’Italia stanno chiedendo, in realtà, è che si arrivi a vietare un’attività di un’organizzazione politica giovanile semplicemente per le sue idee comuniste. L’attacco del Giornale al nostro campeggio si inserisce in una più ampia campagna anticomunista, che attraverso l’assurda equiparazione fra il socialismo e il fascismo, mira alla criminalizzazione del movimento operaio e comunista. Ma la storia di milioni di lavoratori che hanno lottato e lottano per i propri diritti, per un futuro di pace e giustizia sociale, non può essere equiparata agli orrori del nazifascismo. L’equiparazione fra il fascismo e il socialismo è da sempre il primo passo che si compie per anticipare la repressione anticomunista. E l’errata impostazione da parte del PD della questione fornisce ovviamente il pretesto per questa operazione. Per questo vorremmo fare alcune precisazioni, con richiesta di pubblicazione della rettifica alle testate interessate:

- In Italia è esistita una dittatura fascista. I comunisti hanno rappresentato la principale forza di opposizione al fascismo, lasciando migliaia di giovani caduti per la liberazione del Paese dal nazi-fascismo. Il principale contributo di sangue alla costruzione di un’Italia democratica, i cui ideali sono purtroppo stati traditi, è stato proprio dei comunisti. Piaccia o no agli autori degli articoli la verità storica è questa, e dopo sessant’anni è ora di farsene una ragione;

- Il sito del campeggio non è uno stabilimento balneare in concessione a un gestore, ma una struttura locale privata, che viene affittata dall’organizzazione. Tale struttura è sita nelle vicinanze di una spiaggia libera utilizzata all’occorrenza, insieme ad altri liberi fruitori della spiaggia;

- Il FGC non è un centro sociale, ma un’organizzazione politica. Qualsiasi tentativo automatico di fare parallelismi generici è privo di riferimenti alla realtà e denota scarsa conoscenza e notevole approssimazione da parte degli autori.

- In cinque anni di attività politica nessun caso della presunta “violenza” che viene fra le righe attribuita alla nostra organizzazione, è stato mai imputato ad un nostro militante, a differenza di quanto accade per le organizzazioni giovanili della destra neofascista. Al campeggio si svolgono attività aggregative, culturali e sportive e di natura politica, con tornei sportivi, cineforum, assemblee studentesche. I pericolosi slogan anti-imperialisti ed estremisti, di cui parla il Giornale, altro non sono che una azione svolta lo scorso anno contro la prospettiva di un intervento militare italiano in Libia. Ma il pessimo giornalismo è capace di trasformare persino un’azione contro la guerra e in difesa della pace in un inneggiamento alla “violenza”…

- Sostenere in modo più o meno esplicito la “pericolosità” di un’organizzazione dato “l’uso di violenza” o che nel nostro campeggio si “incita alla violenza”, si chiama diffamazione.

- Al momento ci limitiamo a ringraziare le testate per la pubblicità gratuita ricevuta, in attesa di valutare margini legali per ulteriori azioni e eventualmente festeggiare più lautamente con quanto verseranno nelle nostre casse a titolo di risarcimento per le affermazioni non veritiere e calunniose contenute negli articoli. Soldi che ovviamente saranno reinvestiti nell’azione di lotta del FGC.

——-

Alleghiamo foto e video delle precedenti edizioni del campeggio del FGC, per permettere a chiunque di rendersi conto della reale natura di questo evento, ben lontana da come vorrebbe dipingerlo la stampa di destra.

Qui il video della terza edizione (2016).

Qui le foto della terza edizione (2016)

Qui le canzoni di lotta e della Resistenza criticate negli articoli

Qui le foto della seconda edizione (2015)


Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale

Aggiungi un commento