FGC: « NO AD AUMENTO TRUPPE. RITIRO DALL’AFGHANISTAN»

Il sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi ha annunciato in aula alla Camera la permanenza e l’aumento del contingente militare italiano in Afghanistan, prodigandosi in una lode dell’occupazione militare occidentale del paese, parlando in particolare di come le forze armate italiane difendano la “partecipazione democratica” e la pace. Sotto l’intramontabile menzogna della democrazia, l’Alleanza Atlantica prosegue la sua politica imperialista in Afghanistan. Questo aumento nello stanziamento di truppe, che ha l’obiettivo di compensare il ritiro di quella parte del contingente spagnolo dedicata alla Force Protection, conferma la volontà, già dimostrata dal governo italiano nel proporsi come guida del “processo di pacificazione” in Libia, di assumente un ruolo di sempre maggior importanza nel quadro dell’alleanza imperialista della NATO e delle sue avventure militari. L’Italia ospita tra l’altro in questi giorni insieme a Spagna e Portogallo la Trident Juncture, la più grande esercitazione NATO dalla caduta del Muro di Berlino, che arriva in un contesto di crescenti tensioni militari ed ha tutto l’aspetto di una vera e propria prova muscolare rivolta a quei paesi non soggetti al dominio economico dei monopoli occidentali. Condanniamo fermamente la politica aggressiva e imperialista della NATO e la partecipazione del nostro paese ad aggressioni e destabilizzazioni a stati sovrani. Il Fronte della Gioventù Comunista condanna la presenza militare italiana in Afghanistan e la politica imperialista del governo che,nell’intento di proteggere armi alla mano i profitti dei gruppi monopolistici, rinforza la presenza militare all’estero, stanziando miliardi per l’apparato bellico mentre vengono tagliati i fondi a sanità e istruzione.

ROTTURA UNILATERALE ED USCITA DALLA NATO RITIRO IMMEDIATO DEI CONTINGENTI MILITARI ALL’ESTERO SOLDI ALLA SCUOLA, NON ALLA GUERRA!



Scritto il by admin in Comunicati, Internazionale

Aggiungi un commento