NON BISOGNA FARE IL GIOCO DELLA REAZIONE E DEL CAPITALE.

La segreteria nazionale del Fronte della Gioventù Comunista esprime il suo disappunto per quanto accaduto oggi a Milano durante il corteo contro l’Expo. Questa nostra considerazione non ha nulla a che vedere con i discorsi benpensanti che anche settori della sinistra da tempo hanno sposato, ma parte dalla consapevolezza che una condotta di tale genere non produce alcun consenso nella popolazione e crea il miglior terreno di avanzata per le forze reazionarie. Quanto accaduto oggi a Milano è un piccolo graffio se paragonato ai danni che le grandi multinazionali che sponsorizzano e monopolizzano l’esposizione, i governi che vi partecipano producono ogni giorno nei confronti della popolazione mondiale. Per questa realtà prima di tutto noi ci indigniamo e ben  farebbero a fare altrettanto tutti coloro che oggi gridano dopo i fatti di Milano.

Tuttavia una condotta di tale genere, non solo non scalfisce in alcun modo il potere dei grandi gruppi finanziari e dei governi capitalistici che sostengono i loro interessi, ma genera in ampi strati della popolazione un sentimento di sdegno e ripugnanza che è il miglior terreno di coltura delle  forze reazionarie , che da domani invocheranno  - con il consenso popolare e nuova forza-  misure ancora più restrittive sulla libertà di espressione, manifestazione e ogni tipo di attività repressive contro le forze che si pongono realmente l’obiettivo dell’abbattimento del capitalismo.

Le aspettative pre manifestazione e le notizie dei media avevano già contribuito a diminuire la partecipazione popolare al corteo. La condotta di oggi finirà per coprire nella coscienza popolare gli scandali, la corruzione, le ingiustizie, tutte le contraddizioni dell’Expo, che pure sono sentite profondamente dalla classe lavoratrice, dai disoccupati, dalla gioventù, con la cronaca dell’ennesima giornata in cui il tema è solamente l’ordine pubblico. Chi agisce in questo modo, quali siano le intenzioni di partenza, finisce per fare il gioco del capitale e della reazione, fornendogli modo per affinare i propri strumenti di consenso e di oppressione. Contribuisce ad alienare il consenso popolare, crea un argine potente contro l’azione quotidiana delle forze rivoluzionarie che nelle masse popolari cercano di ottenere giorno dopo giorno consenso e radicamento. Chi fa il gioco della reazione e del capitale, indipendentemente dalle intenzioni, non può che essere nostro nemico.



Scritto il by admin in Comunicati, Nord

Aggiungi un commento