PER UN 1° MAGGIO DI LOTTA, FGC A POMIGLIANO.

Il 1° maggio il Fronte della Gioventù Comunista aderisce nazionalmente all’assemblea operaia indetta dal “Comitato mogli degli operai Fiat” di Pomgiliano d’Arco. Il nostro vuole essere un primo atto concreto teso a rilanciare, a partire dal 1° maggio, una pratica di lotta,oggi più che mai attuale e necessaria. La fabbrica FIAT di Pomigliano d’Arco è uno dei simboli più emblematici del disastro prodotto in italia dal capitalismo in questi ultimi anni, è il punto di partenza del cosiddetto modello Marchionne che oggi si diffonde in tutta Italia, mettendo i lavoratori di fronte alla scelta tra rinunciare ad ogni diritto o al proprio posto di lavoro. Siamo giovani e consapevoli, nel quadro delle condizioni materiali in cui sono racchiuse le nostre esistenze, a partire dai banchi di scuola, per andare a finire a quello che il padrone chiama “mercato del lavoro”, ma che per noi rimane un diritto inalienabile che non può essere relegato al ruolo secondario di ” merce di scambio”, di come la lotta degli operai di Pomigliano, sia la nostra lotta.
La nostra adestione non è da intendersi come un gesto semplicemente simbolico, ma come un preciso atto politico contro le recenti dichiarazioni di CISL, UIL e CGIL (FIOM compresa), che hanno assunto, settimana scorsa, le logiche del piano Marchionne siglando l’Accordo Interconfederale con Confindustria e che organizzeranno, sempre con Confindustria, a Bologna un primo maggio che non può più essere visto come un semplice concerto unitario e privo di qualsiasi contenuto politico e di lotta. Come si afferma nell’appello “la necessità della ricostruzione di un percorso di classe a tutto campo è nell’interesse di tutti“ e siamo consapevoli di come sia fondamentale “riorganizzare idonei strumenti sindacali e politici all’altezza della situazione”. Accogliamo pertanto con entusiasmo questi vostri intenti e ci impegniamo, a partire dal Primo Maggio, a mettere in campo quella comune e fraterna operosità di classe che ci permetterà di realizzare tale prospettiva.


Scritto il by admin in Comunicati, Lavoro

Aggiungi un commento