La disperazione produce la rabbia. La coscienza l’organizzazione e la vittoria.

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale | Lascia un commento  

 Non sappiamo forse non sapremo mai tutto ciò che c’è da conoscere su quanto accaduto oggi a Palazzo Chigi. I media puntano da subito a dipingere l’uomo che ha sparato come un malato mentale, un “pazzo”, uno “squilibrato”. Non crediamo in questa versione iniziale, chiaramente improntata ad una strategia difensiva. Ma a prescindere dall’atto in sé, dalle motivazioni private, dalla persona, ci interessa mettere in luce come l’atto di oggi sia sintomo di un diffuso disagio sociale, frutto di anni di tagli, di disoccupazione a livelli impensabili, di assenza di prospettive future per la maggior parte della popolazione, di sfiducia complessiva nei confronti di questo sistema politico. Chiunque di noi conosce bene questi sentimenti, conosce la disperazione che sta montando tra i giovani, tra i lavoratori, tra quanti hanno perso in questi mesi il posto di lavoro. Leggi il resto

25 APRILE, ORA E SEMPRE RESISTENZA.

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale | Lascia un commento  

Questo 25 aprile il Fronte della Gioventù Comunista sarà in piazza in molte città italiane. Sebbene per tanti di noi non sarà la prima volta, lo sarà per la nostra organizzazione, nata poco meno di un anno fa. La gioventù comunista ha oggi il compito di rilanciare un’idea della Resistenza che non sia l’appiattimento allo stato di cose presente. Per anni commemorazioni istituzionali, parate di politici di ogni schieramento, hanno contribuito a rendere il 25 aprile una data priva di significato, intrisa solo di falsa retorica istituzionale, con la perdita progressiva degli ideali e dei valori che spinsero decine di migliaia di giovani a combattere per un futuro diverso. L’Italia di oggi non è il frutto della Resistenza, ma del suo tradimento. Chi lottò, in molti casi dando la propria vita non aveva certo in mente di farlo per un’Italia in cui la libertà non coincidesse con la giustizia sociale. L’Italia del capitalismo che distrugge i diritti dei lavoratori, del futuro nero per i giovani, di un sistema politico sempre più distante dalle masse, non era certo l’idea di Italia che i partigiani volevano costruire. Leggi il resto

CON NAPOLITANO I POTERI FORTI SONO AL SICURO.

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale | Lascia un commento  

La riconferma di Napolitano alla Presidenza della Repubblica è un chiaro segnale di rassicurazione per gli equilibri del sistema economico ed internazionale, che una classe politica commissariata ed asservita consegna a garanzia del proseguimento delle politiche di macelleria sociale imposte dall’Unione Europea. Napolitano è stato il perno del disegno economico politico imposto dal capitalismo e dall’Unione Europea, traghettando l’Italia al commissariamento con il governo Monti, e che oggi si appresta a fare altrettanto con un governo di larghe intese, che potrà solamente incrementare le politiche di attacco ai diritti dei lavoratori, i processi di dismissione del sistema pubblico, a partire dall’istruzione e della sanità.

Quanti oggi gridano al golpe della “partitocrazia” dovrebbero piuttosto capire le profonde ragioni economiche che si celano dietro questa scelta. Il sistema dei partiti oggi additato come responsabile di questa condizione è in realtà l’ultima ruota del carro, l’esecutore di una precisa volontà che parte dai poteri economici. Confondere il complice con il mandante equivale oggi a difendere il sistema.

Chi lo fa continua ad illudere le masse, a confondere il campo di scontro oggi in atto. Non ci appassiona l’indignazione per la mancata vittoria di Rodotà, un personaggio politico che non viene dalla nostra storia, come molti hanno affermato, ma dal tradimento della nostra storia, come Napolitano e tutto il gruppo dirigente del PDS-DS – PD. Un uomo di sinistra, quale che sia, è utile oggi a dare un volto nobile e amico, alle politiche di attacco ai nostri diritti. Compito fondamentale dei comunisti oggi è quello di trasformare l’indignazione per l’elezione del Presidente della Repubblica, nella consapevolezza del significato economico e politico che questo comporta, nella preparazione alla lotta contro le misure del prossimo governo. Ai giovani che in queste ore manifestano contro la decisione del PD di non votare Rodotà, ricordiamo che il Partito Democratico ha compromesso ogni sua credibilità, già nell’aver promosso e votato in questi anni alcune tra le peggiori riforme contro i diritti dei lavoratori, contro la scuola e l’università pubblica, nella direzione della privatizzazione di servizi sociali assicurati alla popolazione.

Invitiamo fin da domani tutti i nostri militanti a spiegare queste ragioni, a lavorare nelle scuole, nelle facoltà, nei luoghi di lavoro, affinché si mettano in luce le vere ragioni alla base di questa scelta e le prospettive che ci attendono in futuro, rifuggendo dalle facili spiegazioni date dai media e dal tentativo di dirigere la giusta protesta ed indignazione contro la riconferma di Napolitano, nel solco del confronto tra personalità o del prodotto della partitocrazia.

Dichiarazione della Segreteria Nazionale del Fronte della Gioventù Comunista.

COLLETTIVO PUTILOV: «COSTRUIAMO FGC A FIRENZE.» 

Scritto il by admin in Centro, Comunicati, Dai territori, Nazionale | Lascia un commento  

Mai come in questo momento si è mostrata su scala globale tutta la potenza e la violenza dell’avversario di classe nei confronti del proletariato internazionale, un proletariato che si presenta oggi in forme e composizioni tecniche estremamente complesse, non più riconducibile solo all’operaio di linea ma a settori sempre più estesi di lavoratori del terziario, del pubblico impiego, della scuola e dell’università. La crisi che stiamo vivendo e pagando è la crisi strutturale di un sistema nella sua fase estrema (quella dell’imperialismo e del capitalismo finanziario), che per salvare la propria armatura economico-statale è disposto a distruggere e a decimare i suoi stessi fattori produttivi: uno sterminio che oggi si chiama precarizzazione; impoverimento; smantellamento di diritti conquistati in anni e anni di lotte; distruzione delle forme di rappresentanza, della sicurezza sul lavoro; taglio di fondi all’istruzione, alla ricerca, alla spesa pubblica, alla sanità; annientamento progressivo dello stato sociale fino alla messa in discussione e sovvertimento delle stesse leggi della democrazia formale e sostanziale borghese.  Leggi il resto

Statuto del FGC

Scritto il by admin in Nazionale | Lascia un commento  

PREAMBOLO.

Il Fronte della Gioventù Comunista è l’organizzazione rivoluzionaria dei giovani lavoratori, degli studenti, dei giovani senza lavoro, che lottano contro il capitalismo, per la costruzione della società socialista. Fa propria la storia del movimento operaio e l’esperienza del movimento comunista internazionale, trae insegnamento dal sacrificio e dallo spirito di dedizione che tanti giovani diedero alla Resistenza e dai loro ideali, nella lotta quotidiana per la costruzione di un’Italia libera e socialista. Promuove il coordinamento e l’unità delle forze comuniste a livello internazionale, a partire dalle organizzazioni giovanili. Si impegna nello sviluppo di relazioni con le gioventù comuniste di tutti i paesi e con le principali organizzazioni rivoluzionarie ed antimperialiste, nonché con le organizzazioni internazionali dei lavoratoti, degli studenti e dei giovani che lottano per la costruzione del socialismo e la difesa dall’imperialismo. È antifascista e combatte ogni forma di razzismo e discriminazione. Educa i suoi militanti alla conoscenza della storia del movimento operaio, alla formazione politica marxista leninista, al lavoro quotidiano nella lotta per la conquista del socialismo.

ISCRIZIONE

Può iscriversi al Fronte della Gioventù Comunista ogni giovane di età compresa tra i 14 ed i 35 anni, che abbia effettuato il periodo di prova e che accetti il presente statuto e gli obiettivi delineati nel preambolo. L’iscrizione avviene su base individuale, in relazione al luogo di lavoro o di studio abituale del militante. Nessuna adesione ad organizzazioni, collettivi, partiti, comporta automaticamente l’iscrizione al Fronte della Gioventù Comunista. È consentito il doppio tesseramento o adesione con collettivi, organizzazioni e partiti, che hanno linea politica compatibile con quella del Fronte, alla condizione tassativa di svolgere il lavoro giovanile esclusivamente con il Fronte della Gioventù Comunista, secondo la linea politica stabilita dal congresso nazionale e dagli organismi dirigenti ad ogni livello. In ogni caso resta fermo il diritto dell’organizzazione di rifiutare il tesseramento al richiedente, previo parere della commissione nazionale di garanzia e motivazione del rifiuto. Leggi il resto

ORDINI DEL GIORNO APPROVATI AL CONGRESSO NAZIONALE

Scritto il by admin in Internazionale, Nazionale | 1 commento

1) ADESIONE A FMGD/WFDY E COORDINAMENTO INTERNAZIONALE DELLE GIOVENTU’ COMUNISTE EUROPEE.

 Proposto da: Dipartimento internazionale FG, approvato con voto unanime. 

 Il Congresso nazionale del Fronte della Gioventù Comunista, riunito a Roma nel marzo 2013, da mandato alla commissione internazionale ed al prossimo responsabile esteri dell’organizzazione di esperire tutte le pratiche per l’adesione del Fronte della Gioventù Comunista alla Federazione Mondiale della Gioventù Democratica (WFDY), al fine di garantire il contributo della nostra organizzazione alla lotta contro l’imperialismo in ogni parte del mondo.

Invita inoltre a lavorare per garantire il massimo coordinamento tra le organizzazioni giovanili comuniste che si oppongono alle politiche dell’Unione Europea, lottano per la disarticolazione del quadro della UE e per la costruzione del socialismo, convinti della necessità di combattere in modo unito ed organizzato l’Unione Europea, come forma giuridica internazionale che più conseguentemente rappresenta gli interessi dei monòpoli e del grande capitale, attraverso le politiche di attacco ai diritti della classe operaia.

Leggi il resto

SPETTA ALLA GIOVENTU’ RICOSTRUIRE.

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale | 3 commenti

 I risultati delle elezioni presentano la fotografia del disastro della sinistra, che a livello elettorale, ripropone quello ben più grave e profondo avvenuto nella società. Nelle prossime ore analizzeremo con attenzione i risultati, faremo le nostre considerazioni ulteriori rispetto a quanto già fatto nelle scorse settimane. Ma fin da queste prime ore dai risultati delle elezioni, vogliamo lanciare il nostro appello a tutti i giovani comunisti del nostro paese. Ci rivolgiamo in particolare a tutti quei giovani compagni e compagne, che con dedizione hanno speso tutte le loro forze per fare campagna elettorale alla lista Ingroia. A tutti i ragazzi e le ragazze che, pur intravedendo i limiti di quel progetto, hanno voluto prestare il loro generoso contributo, riponendo fiducia ancora una volta nei loro gruppi dirigenti. Noi la pensavamo diversamente, lo abbiamo detto, ma non è questo il momento di fare polemica.

Facciamo appello a tutti voi affinché si abbandoni ogni tattica opportunista che quei gruppi dirigenti hanno imposto in questi anni, e che insieme si possano ricostruire le basi per una presenza comunista in Italia. È un percorso che non ammette scorciatoie e che si costruisce prima di tutto sulla coerenza e sull’impegno militante. La situazione italiana ci impone di abbandonare ogni temporeggiamento, ogni ipocrisia, ogni tentennamento e di buttarci da subito con tutte le nostre energie nella costruzione di un progetto credibile a partire dai giovani. Spetta alla gioventù il compito di ricostruire.

In questi mesi abbiamo costruito la nostra organizzazione in gran parte d’Italia. Siamo coscienti delle nostre mancanze, ma anche della nostra forza in un quadro generale di distruzione delle forze della sinistra e delle forze progressiste. Ma soprattutto siamo coscienti di aver messo in campo il primo tentativo di superare le divisioni di questi anni, sulla base di una linea politica coerentemente rivoluzionaria.Le porte della nostra organizzazione saranno sempre aperte per tutti quei compagni e quelle compagne che, stufi dell’opportunismo e dell’assenza di prospettive politiche reali, del lavoro utile solo alla sopravvivenza di gruppi dirigenti sconfitti, decideranno di lottare insieme a noi, per conquistare un’Italia socialista.

Non c’è più tempo da perdere.

 

Fronte della Gioventù Comunista

MILANO: I COMPAGNI DELLE TREFRECCE CONFLUISCONO NEL FRONTE.

Scritto il by admin in Comunicati, Nazionale, Nord | Lascia un commento  

Nella giornata del 9 febbraio i ragazzi e le ragazze delle (///), insieme alla dirigenza provinciale del Fronte della Gioventù Comunista di Milano, si incontrano per discutere del processo politico da portare avanti insieme. Il FGC e le trefrecce portano avanti lotte insieme da lungo tempo ed è giunta l’ora di organizzarsi in maniera strutturata; il Fronte della Gioventù Comunista è un’organizzazione formata e riconosciuta in tutta Italia, portiamo avanti lotte politiche simili e combattiamo un nemico conune, ed è quindi giunta l’ora di decidere il futuro della nostra vita politica.

In questo giorno proponiamo ai compagni e alle compagne delle trefrecce di confluire nel FGC affinchè si possa continuare ad organizzarsi in ogni paese ed in ogni città, creando un fronte unico di resistenza. A Milano la questione politica è sempre più complicata, le elezioni politiche alla regione dimostrano ormai una continuità tra mafia e politica, e noi vogliamo creare un’alternativa a tutto ciò, ripartendo dai quartieri, dalla gente, perché la politica si fa con il popolo. Partendo da Quarto Oggiaro dove verrà aperta entro pochi mesi una nostra sede, riportando la politica nelle strade e avviando insieme progetti dal basso per il bene del quartiere, restituendo dignità ai valori dell’antirazzismo, antifascismo e solidarietà. Insieme ci impegnamo a rafforzare e far crescere il Fronte della Gioventù Comunista a Milano e in tutta Italia, lanciando un appello a tutti i compagni aderenti alle trefrecce affinchè confluiscano nelle sezioni locali del FGC per rafforzare la nostra vicinanza politica e la nostra comune lotta.

A TERAMO CONTRO LA REPRESSIONE.

Scritto il by admin in Centro, Comunicati, Nazionale | Lascia un commento  

Una delegazione del Fronte della Gioventù Comunista parteciperà domani al corteo contro la repressione a Teramo, per manifestare la nostra solidarietà con i compagni che hanno ricevuto condanne in relazione a giornate ed episodi di lotta. Condividiamo la richiesta dei compagni teramani di realizzare un corteo pacifico senza cadere in provocazioni e tentativi di criminalizzare ulteriormente la nostra lotta. Contro la repressione è ora di dare una risposta unita e compatta.

LORO VINCONO SEMPRE. NON VOTARLI, LOTTA!

Scritto il by admin in Nazionale | Lascia un commento  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutti i partiti politici che si presentano alle elezioni hanno accettato gli assunti di questo sistema e la sottomissione della politica al potere dei grandi monopòli, della finanza, della chiesa e della nato. I poteri, che noi abbiamo rappresentato con le persone che a nostro parere meglio li identificano, usciranno sempre vincitori da questa competizione elettorale, mentre ancora una volta a pagare saranno i lavoratori, i giovani disoccupati, gli studenti. Recentemente diversi sondaggi hanno riferito che più del 70% dei giovani non andrà a votare a queste elezioni. Non siamo astensionisti per principio o per disinteresse e non vogliamo che la nostra posizione venga presa come qualunquismo, così come non crediamo che un dato così imponente possa essere spiegato con il disinteresse. Noi partiamo da un dato reale: nessuno dei partiti o delle coalizioni che si presenterà alle elezioni è alternativo realmente a questo sistema,e crediamo che questa mancanza di possibilità di scegliere realmente in che direzione andare, sia la causa di una sfiducia così complessiva, che si fa ancora più forte tra le nuove generazioni. Leggi il resto